La Torta di noci di Carla: a zampine nude nel parco.

………a zampine nude nel parco, è così che mi piacerebbe vedere la randagina adottata da Carla (ora si chiama “Piccola”), ma dopo tanto stress è ancora “nascosta”, accenna a qualche approcio ma ci vorrà ancora tempo a che si lasci andare e che si senta al sicuro.

Per il momento si sta ambientando, anche se questo “esplorar-notturno” ha già decimato vari oggetti-ricordo di Carla che temo mi presenti il conto prima o poi :-D

Chi è Carla? Carla è una professoressa di ginnastica in pensione, vive in una spendida casa con, appunto, un enorme parco che cura tutto da sola.

Carla è minuta, l’apparenza fragile inganna, lei pota, taglia l’erba, coltiva l’orto, fa le marmellate con la frutta dei suoi alberi, raccoglie le sue noci per fare una meravigliosa torta che vi offrirò più tardi, fa parte di una compagnia teatrale al femminile che tratta le varie problematiche di noi donne.

Carla ha accolto la micia “perchè ha bisogno” ma so che le piacerebbe che la sera le salisse sulle ginocchia e facendo le fusa si lasciasse accarezzare…ma aspetta..raccogliendo al mattino i “cocci” lasciati a terra dalle scorribande notturne :-D

Vicino casa sua scorre un canale, quei canali artificiali costruiti nella notte dei tempi dove scorazzano felici delle anatre selvatiche che lei chiama e che corrono a sbeccottare il mangime.

Noi ci aggiorniamo giornalmente, oggi ho saputo che quando lei è assente le anatre vanno a chiedere cibo a casa di Tiziana (vicina di casa e amica)..facendo “qua qua” per sollecitare il pasto :-D

Carla vive in questa grande casa dove hanno abitato i suoi genitori che ora non ci sono più..anche se la casa parla di loro in ogni angolo, oggetti ricchi di storia come gli scopilli fatti a mano dal papà:

Oppure l’arcolaio dove tesseva la mamma e la macchina da cucire (dietro):

O il tavolo da lavoro del papà:

O le scarpe con la suola di legno fatte a mano da lui per lei..non sono le “Tod’s” di oggi..Carla mi ha detto che sembrava di indossare degli strumenti di tortura :-)

E che dire dell’asinello cucito da sua madre per farla giocare?

Come non commuoversi di fronte agli sci indossati dallo zio “Alpino” durante la prima guerra Mondiale?

E come non farlo anche davanti alla picozza dello zio usato nella guerra di Grecia e Albania con tanto di incisioni fatte a mano sulla stessa?

E che dire di tutti gli altri oggetti sparsi per casa?

Dopo averle  lasciato la micia mi ha offerto il pranzo e mi ha regalato un sacchetto della sua lavanda, una confezione di garam masala comperato nel suo ultimo viaggio in India, 1 vasetto di marmellata (che si è pappato “ello” :-D)

Un sacchetto di noci del suo albero che lei ha tostato e che ho usato per fare questa torta con la sua ricetta, quindi questa sarà:

La Torta di noci di Carla

Ingredienti per una teglia apribile di 24 cm.:

  • 6 uova,
  • 200 g. di zucchero (150 fruttosio),
  • 250 g. di noci macinate,
  • scorza d’arancia grattugiata,
  • rum (facoltativo, omesso),
  • pizzico di sale per montare gli albumi.

Per la glassa:

  • 150 g. di panna da montare,
  • 150 g. di coccolato fondente.

Come fare:

lavorare i tuorli con lo zucchero, aggiungere poco alla volta le noci macinate (sempre con poco zucchero), la scorza d’arancia grattugiata e, alla fine, gli albumi montati a neve fermissima.

Versare il composto in una teglia apribile da 24 cm. imburrata o rivestita con cartaforno ed infornare a 180° C. per 35 minuti.

Sfornare e far intiepidire, nel frattempo preparare la glassa portando ad ebbollizione la panna liquida ed aggiungendo il cioccolato fondente.

Far affreddare fino alla consistenza desiderata e versarla sulla tort facendola colare (a casaccio) sui lati.

Decorare con alchechengi, buccia d’arancia ottenuta col rigalimoni o a piacere.

Io l’ho replicata con le mandorle, le nocciole, i pistacchi (seguiranno foto) e vi dico: provate, provate, provate!!

Volevo aggiungere che Carla non ha l’età di Matusalemme però, si sa, ultimamente il mondo è andato avanti di corsa..facendo sembrare noi 50 enni delle vecchie babbione demodè, ma non è così…….

Grazie Carla, spero ti piaccia questo post, come hai chiesto, non ti ho fatto “apparire” ma so già che le mie lettrici/lettori ti vogliono già bene, come non volerne ad una persona generosa come te?

Se tu fossi “la svizzera”, non credo sarebbe lo stesso ma il “vicinato” si prende le sue “piccole soddisfazioni” alle riunioni condominiali..peccato ci siano soltanto una volta all’anno :-D

A proposito Carla..domani che Tiziana ed io siamo a pranzo: PORZIONI ABBONDANTI!! :-)

About these ads

2 responses to “La Torta di noci di Carla: a zampine nude nel parco.

  • PennelliRibelli

    Non avevo letto questo post. Sono contenta che lo scorrere di link mi abbia portato qui. La casa di Carla è stupenda, il parco è strepitoso (se penso che io non sono in grado di mantenere 20 mq di giardino…) e tutti quegli oggetti carichi di ricordi mi hanno fatto commuovere.
    p.s. Ma che avete da quelle parti? Quanta energia! Saranno i manicaretti che prepari o il tabacco nelle pipe dei quadri di Tiziana non è poi proprio tabacco?!?! ;-)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...