San Nicolò, passata la festa gabbato lo santo…

Tavolino San Nicolò5
Nulla era/è più bello ed emozionante del trovare la mattina del 6 dicembre la tavola piena di tante cose, noci, mandarini, pistaci (arachidi), fichi secchi, mandorlati (torroni) ecc., del cercare tra i piatti chiusi dalla carta trasparente il proprio regalino.Ognuno aveva il proprio, personalizzato, io amavo molto disegnare e nel mio piatto c’erano sempre regali inerenti: colori, album, quaderni, pennelli, gomme.

San Nicolò era giorno di scuola e così, messi in borsa qualche mandarino e un pò di frutta secca, via di corsa, curiosi di sapere cosa avevano ricevuto gli altri bambini.

Cossa te gà portà San Nicolò? Già allora c’era una netta distinzione tra le classi sociali e i regali di San Nicolò che ogni bambino raccontava ne erano la conferma.

Da grande ho scoperto che molti baravano, non avevano ricevuto nulla ma non volevano sembrare da meno e raccontando il loro regalo sognavano un pò…

Tavolino San Nicolò altoLa mattina ello è partito presto così ho preparato tutto affinchè  trovasse al suo ritorno il  tavolino di San Nicolò vicino al divano addobbato e pieno di tante cose buone, una cravatta come regalo (che è stata graditissima) e non si è neanche accorto che non gli avevo fattoil dessert.

Tavolino San Nicolò3

Buona giornata mondo, a presto con il corso di cucina, ne imparerete delle belle.

About these ads

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...