Terza con lode, dove osano le Pesche.

Biglietto QBFVG1

Amo vincere, tutti amano vincere, chi lo nega mente;  ma ci sono situazioni e momenti nella vita  in cui la partecipazione è appagante più di una vittoria, infatti, il mio terzo posto , per me, equivale ad una laurea con bacio accademico.

Il premio speciale per la passione e la poesia nel raccontare è la più bella gratificazione per ciò che faccio.

Impossibile competere con un tiramisù ma, soltanto il fatto che, per il secondo e terzo posto, siano state scelte 2 ricette salate è il segnale che qualcosa sta cambiando nella mentalità dei Friulani.

Certo che l’abbinamento trota pesche non è gradito a tutti, sono sapori ai quali avvicinarsi un pò alla volta e mi ha fatto estremamente piacere scoprire che, per la degustazione dell’evento Giancarlo Foscarini  ha presentato il carpaccio di trota e pesche ed un risotto con pesche e Ribolla (io l’avrei mantecato con del Montasio come ha fatto Stefania); per la cronaca ha vinto il risotto.

pesche nettarine trota Fiumicello

Presentazione del mio carpaccio a Fiumicello.

Ed è così che dopo aver partecipato al concorso, le pesche nel piatto, ho voluto presenziare anche alla premiazione, accompagnata dalla mia compagna di merende Tiziana, nonchè mia mentore e pusher di autostima.

Locandina mostra pesche

Nella botte piccola ci sta il vino buono, sembra coniato apposta per il Friuli Venezia Giulia, regione piccola, posizione strategica, accarezzata dal mare e dal vento, resa sinuosa ed elegante da colline e campagne, rinfrescata dalle montagne, bagnata da fiumi.

Abbiamo tutto, pesce, carne, formaggi, vini di eccellenza, abbiamo una storia, una storia affascinante che racconta di pescatori e di taglialegna, ma si decolla con difficoltà perchè qui la gente bada più all’essere che all’ apparire.

É gente che ha sempre lavorato, questa è terra di emigranti, gente che si è costruita pezzo per pezzo tutto ciò che ha lavorando duramente lontani da casa, dalla famiglia e dagli affetti e, si sa, la fatica toglie la voglia di sorridere e di parlare, rende diffidenti e guardinghi ma oggi giorno se possiedi prodotti di eccellenza, garantiti ed unici devi fare lo sforzo di farli conoscere e per farli conoscere devi imparare a parlare e a sorridere, devi aprire la porta alle novità e berci insieme un tai .

disegno boy scout

I prodotti devono diventare attori, capaci di interpretare tutti i copioni in tutti i teatri, bisogna osare, affrontare il cambiamento, fare esperimenti, proporre, incuriosire.

Io non lo sapevo e come me molte altre persone, a Fiumicello producono anche la pesca saturnina o tabacchiera che ha origini siciliane, è coltivata sulle pendici dell’Etna ed ora anche qui per onorare il kilometro zero che garantisce freschezza e costi contenuti.

Io non conosco le regole di mercato però, lo ripeto, non sono felice, quando vedo in negozio frutta arrivata dalla Spagna quando abbiamo i campi pieni di tutto, è evidente che qualcosa non funziona come dovrebbe.

Fiumicello ha un sindaco giovane, preparato, circondato da collaboratori altrettanto giovani e preparati ed ha la fortuna di avere alle spalle persone di esperienza,  che hanno infilato le mani nella terra e la conoscono bene, le sanno parlare e la sanno ascoltare, uno di questi è questo simpaticissimo signore qui sotto (del quale scoprirò il nome q.p. )

Un mito-002

L’ ho tormentato  a vonde affinchè venga fatto un ricettario e a mettere i cartellini col nome e qualche accenno sulle cassette di quelle splendide pesche con tante sfumature rosa-arancio-rosse.

chiosco boy scout

Un compito che potrebbe venire affidato ai Boy scout che, nel loro chiosco personale disegnano e creano pesche origami, a loro piacerebbe contribuire con il loro senso artistico alla prossima mostra del 2014 vero?

pesche origami boy scout cesto-001

Insegnamo alle persone a chiamare ciò che mangiano col loro nome, trovo sia un arricchimento culturale, è come se tutte le donne si chiamassero Donna e tutti gli uomini si chiamassero Uomo, le pesche hanno dei nomi bellissimi, nomi di principesse, di regine ed allora facciamoli conoscere a tutti.

E facciamo conoscere anche i Foodblogger che sono un appassionato ed efficace veicolo di informazione e divulgazione, sono i foodblogger che sperimentano, provano, approvano o disapprovano e, lo devo dire, ci vuole un bel coraggio a parlare alle genti di Fiumicello di foodblogger: Ce isal fudbloggher (cos’è foodblogger), sentivo domandare in giro e sorridevo ascoltando le risposte dei vari interlocutori che però non andavano a segno e lasciavano poco convinti gli interlocutori..

Ma ora Vonde monadis, anin indenant (basta sciocchezze, andiamo avanti).

libro le pesche Martinis-001

Io mostra pesche con premio speciale a dx Fabiana Romanutti-001

Alla prossima.

About these ads

23 responses to “Terza con lode, dove osano le Pesche.

  • edvige

    Siiiiiiiiiiiiiiiiiii sta volta se pol uffa te son grandissima bacioni.

  • Tiziana

    Felicissima di esser stata presente ad un evento davvero interessante.Ho trascorso una piacevole serata,gustando ottimi assaggini.
    BRAVA Libera e grazie ancora. :-)

  • Sabrina&Luca

    Libera, è vero che chi dice che non vuole vincere sta mentendo agli altri e a se stesso, io ti posso dire che amo vincere, ma che non vorrei mai vincere a tutti i costi ed al tempo stesso, come hai scritto tu, troverei più appagante un terzo premio con quella motivazione che un primo premio tout court. Detto questo, il carpaccio di trota e pesche a noi intriga da matti, lo proveremo sia con la trota che con lo spada, quello non affumicato.
    Condivido il pensiero su frutta con provenienza tipo Spagna, Marocco, ecc ecc raccolta acerba e totalmente insapore, ma ti pare con i campi che abbiamo anche noi che dobbiamo comprare prodotti non nostrani per fare arricchire chi opera per pura ragione di soldi? Noi andiamo a comprare presso mercatini dove chi vende sono i contadini.
    Bacioni
    Sabrina&Luca

    • accantoalcamino

      @Sabrina&Luca, per fortuna qui attorno ci sono ancora molte aziende a gestione famigliare e si possono trovare le verdure fresche di giornata. Però il discorso è sempre lo stesso, sono le leggi di mercato che comandano, i soldi, gli interessi economici, contro quelli la volontà del cittadino non conta nulla… Un abbraccio.

  • ili6

    Complimenti, Libera, non solo per la lusinghiera affermazione al concorso, ma anche per quanto discuti nel post. E’ sacrosanto e lo è per tutte le regioni che producono con eccellenza e con grande fatica e per il nostro Stato. Se prendessimo coscienza di quanto buono e genuino abbiamo, tutelato inoltre da norme sanitarie ed igieniche ben precise, non compreremmo nulla al di fuori del made in Italy, anche se questo comporta una spesa leggermente superiore. Io cerco di farlo da tempo con preferenze prima per la mia regione e subito dopo per l’Italia. ma non tutti la pensano così (pur di risparmiare spiccioli di euro). Per assurdo che sembri, ma le motivazioni ci sono e la rabbia pure, da voi arriva prima un carico di arance spagnole che siciliane, con costi inferiori. E le arance siciliane, ottime e garantite dalle severe leggi italiane sulla genuinità del prodotto, marciscono strada facendo dentro i tir (idem i pomodorini di Pachino e mille altri prodotti, pesche tabacchiere comprese). No ponte, no tav: arrangiatevi! Lo stesso vale per le vostre ottime mele, nella strada in discesa.
    Mi fermo altrimenti sfioro il discorso politico, amaro ed annoso e non ne ho voglia.
    Ancora complimenti a te, un abbraccio, ciao.
    Marirò

    • accantoalcamino

      @Ili6, sai già che condivido tutto ciò che hai scritto, anche il fatto di non portare avanti il discorso che diventerebbe politico e chi legge non gradirebbe. L’importante sarebbe che tutti la pensassimo così ma è evidente che così non è sennò le cose sarebbero cambiate da tempo. Basta ascoltare le “battute” dei nostri politici per capire che, se hanno quel rispetto lì per le persone, figurati cosa gliene può fregare di qualche tonnellata di prodotti lasciati marcire…. un abbraccio fortissimo.

  • londarmonica

    Complimenti, complimenti e complimenti ancora, tutti meritati!!!

  • mamyros

    Non avevo dubbi, sei brava e ti meriti i premi.Anche un onorevole 3° posto è ben accetto per la creatività che non ti manca.
    Busciadis ninina me !
    Mandi

  • Cle

    ah però! complimenti!

  • paola

    Complimenti vivissimi cara Libera,te lo sei ampiamente meritato questo terzo posto.Condivido in pieno il tuo pensiero.Ancora BRAVA!Un abbraccio sincero Paola

  • celeste

    Brava amica mia, brava! Te lo meriti ed è il premio adatto a te, perchè tutto quello che ti arriva te lo conquisti. Sempre. Ti abbraccio e mando una carezza all’amore bianco.

  • elisabetta

    sn in ritardissimo, lo so, ma sn rientrata sl ora!!So comunque che i complimenti fanno sempre piacere ed io te li faccio dal prondo del mio cuore!!Brava Libera, vola così!!abbracci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...