Zaletti, alla maniera di Mentore.

Zaletti  piatto-001

Zaletti

“Signore mamme, trastullate i vostri bambini con questi gialletti; ma avvertite di non assaggiarli se non volete sentirli piangere pel caso molto probabile che a loro ne tocchi la minor parte.” (prefazione alla ricetta 591 de La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene di Pellegrino Artusi 1891)

Eccomi con la ricetta facile facile, veloce veloce, tanto facile e veloce che, quando ho telefonato a Tiziana, alla quale avevo mandato poche ore prima la ricetta, per dirle che li stavo facendo, lei mi ha risposto che li aveva già fatti e mangiati :-D

É diversa dalla ricetta dell’Artusi ed anche da quelle che ho visto nel web, strano a dirsi ma non avevo mai assaggiato i Zalletti o Zaeti (in lingua Veneta); questa è molto più semplice ed anche più leggera, contempla meno uova e non c’è il lievito di birra, come ho scritto nel titolo è “alla maniera di Mentore.

Chi è Mentore, chiederete voi: Mentore Valandro è l’insegnante che ha tenuto il corso di pasticceria al quale ho partecipato tempo fa; era proprio nel periodo in cui ero senza forno ed è per questo che ho dovuto aspettare per mettere in pratica i suoi insegnamenti.

Un piacere ascoltarlo e seguirlo, una persona solare, simpatica, ricca di entusiasmo, un uomo d’altri tempi, pochi fronzoli e molta sostanza.

Il corso era stato organizzato dal Mulino Persello, il primo mulino che ho avuto il piacere di conoscere appena arrivata a Udine; il mulino è a Caporiacco; il mulino Persello,  quando ancora la maggior parte delle persone conosceva soltanto la farina zero e doppio zero (io per esempio), già indicava l’indice di forza (e di qualità) sulla confezione dei vari tipi di farina, il W appunto, per facilitare la scelta ai clienti per tutte le loro preparazioni.

Soltanto da poco tempo il Mulino Persello si è messo in evidenza; fortunatamente, le nuove generazioni hanno capito che continuare la tradizione di famiglia sta diventando un valore aggiunto, un arricchimento umano e spirituale: fare il Mugnaio (Mulinàr in Friulano) oggigiorno, secondo me, è essere privilegiati.

Il coraggio di mantenere vivi gli antichi mestieri dev’essere, per i giovani imprenditori di oggi, motivo di orgoglio, sia per le loro famiglie che per se stessi.

Imparato il mestiere dai genitori, si sono resi conto che, per farsi conoscere e valorizzare questa antica arte, bisogna uscire allo scoperto, e quale modo migliore che quello di organizzare corsi, eventi ecc.?

Ma parlerò ancora di mulini, di farine, di belle realtà di questa Regione che qualche idiotello, cerca di screditare con la propria disonestà, voi che leggete i giornali e seguite i telegiornali sapete già di cosa parlo ;-)

Bene, ed io che non sono giornalista e che amo vedere il bicchiere mezzo pieno, parlerò del bello e buono del Friuli Venezia Giulia, di argomenti i quali, spesso, per interessi economici, testate giornalistiche &.Co. evitano di trattare.

Essere foodblogger non è soltanto scrivere ricette ma è anche girarci intorno, parlare del buono che c’è  ma anche di quello che buono non è,  per me è questo, col carattere che mi ritrovo, solo questo posso fare.

Per fortuna ci sono persone che mi danno fiducia e mi parlano, mi è successo proprio ieri ed aspetto con ansia che mi arrivi il materiale per potervi raccontare una bella storia, una storia che parla di natura, animali, di persone semplici ed appassionate, persone che non ci stanno a diventare invisibili.

É proprio grazie al loro lavoro e a quello delle loro generazioni passate che il Friuli Venezia Giulia, così piccolo, ha ben 9 Presidi Slow Food e, si sa, per essere un presidio Slow Food bisogna lavorare bene, seriamente, con la consapevolezza che si diventerà si famosi ma non ricchi…

Ed è proprio a causa di quelli che invece vogliono diventare più ricchi che famosi, che molte realtà faticano a rimanere a galla, c’è sempre quell’enorme piedone che cerca di ricacciarli sott’acqua ma… Chi la dura la vince ;-)

Oh mamma, si è fatto tardi, corriamo in cucina.

collage zaletti

 Zaletti da infornare e sfornati

 Ingredienti (con questa dose ho ottenuto 95 biscotti, 2 teglie da 36 ed 1 da 23, del peso variabile tra i 6/7 grammi:

  • 125 g. farina Persello 0 Italia*,
  • 125 g. farina di mais gialla rustica (io polenta Socchievina di Fiorindo Mazzolini),
  • 125 zucchero di canna,
  • 125 g. burro,
  • 1 uovo,
  • 3 g. di lievito per dolci,
  • 1 pizzico di sale,
  • 1/2 bacca di vaniglia (1 puntina di vaniglia Bourbon in polvere),
  • la scorza grattugiata di 1/2 limone,
  • 75 g. di uva sultanina,
  • 25 g. di pinoli.

*ITALIA: un’ottima farina di grano tenero Italiano Tipo “0” per un uso quotidiano, adatta sia per panificazione (lievitazioni medio brevi) che per pasticceria (creme e frolle).

zaletti da infornare-001

Zaletti da infornare

Come fare:

preriscaldare il forno a 180°C. (io statico).

Setacciare la farina per togliere eventualiimpurità e togliere i grumi rendendola puiù facilmente amalgamabile; pesare tutti gli ingredienti e disporli sul tavolo.

Impastare burro, zucchero, scorza di limone, sale ed i semini della bacca di vaniglia (io in polvere); unire l’uovo e per ultime le farine mescolate col lievito.

Aggiungere l’uvetta lavata ed ammollata nella grappa o vino verduzzo (io solo acqua); avvolgere l’impasto e riporlo in frigorifero per 1 ora.

Essendo caldo ho preferito lavorare poco impasto alla volta per evitare che si ammorbidisca troppo, togliendolo, man mano dal frigorifero.

Infarinare leggermente la spianatoia, soltanto per facilitare l’arrotolamento del cilindro di pasta che avrà la dimensione di un migliolo; pizzicare i cilindretti con i pollici/indici (vedi foto) ed infornare per 15/18 minuti o fino a doratura (i miei tra i 13/15).

zaletti pp-001

 Zaletti

Link di riferimento:

Molino Persello

Polenta Socchievina

Presidi Slow Food del Friuli Venezia Giulia

Un po’ di Storia

About these ads

16 responses to “Zaletti, alla maniera di Mentore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: