Gemona ritrova il MERCATO DELLA TERRA, 22 agosto quinto appuntamento.

 farine per Pan di Sorc-001   

Farine per Pan di Sorc.

Oggi, 22 agosto, quinto appuntamento a Gemona con il Mercato della Terra di Slow Food, promosso dalla Condotta “Gianni Cosetti” e dall’Ecomuseo delle Acque, con il supporto della Pro Glemona e del Comune che mette a disposizione del mercato la loggia del Palazzo municipale.

Ogni 15 giorni, il venerdì, si danno appuntamento nel centro storico della città i piccoli produttori che provengono da un ambito locale, distante non oltre 30 km dalla sede del mercato.

Dalle 9 alle 13 sui banchi si troverà verdura fresca appena colta, conserve, marmellate, sciroppi e miele, il pane fragrante cotto nel forno a legna, le farine delle varietà locali di mais, le mozzarelle della latteria di Buja, uova fresche e i prodotti presidiati da Slow Food: il formaggio delle latterie turnarie, il pestât di Fagagna, la cipolla della Val Cosa, l’aglio di Resia, il formadi frant, la pitina e il pan di sorc.

Il progetto risponde all’esigenza, diventata pressante negli ultimi anni, di riavvicinare i consumatori ai produttori, la tavola alla terra: i consumatori trovano bevande e cibi sani, sicuri e con un’origine chiara, avendo la possibilità di conoscere i produttori e chiedere loro informazioni sui prodotti acquistati; i produttori si assumono direttamente la responsabilità di ciò che vendono e possono raccontare direttamente le caratteristiche dei prodotti e il lavoro che determina la loro qualità.

Nel Mercato della Terra i prezzi sono equi, trasparenti e motivati: ripagano la fatica di chi lavora e le materie prime necessarie per ottenere un prodotto di qualità, con beneficio di chi acquista senza costi di intermediazione.

Inoltre il mercato viene gestito in forma collegiale dai produttori e dai rappresentanti della comunità locale, è un luogo di incontro dove scambiarsi consigli e ricette, un punto di riferimento per preservare la cultura alimentare delle comunità locali e contribuire alla difesa della biodiversità.

Il Mercato della Terra si colloca in un territorio, il Gemonese, che offre produzioni diversificate, gustose per il palato (buone), rispettose dell’ambiente (pulite) e solidali per l’economia (giuste).

Si tratta di prodotti di filiere che assecondano la cura e la gestione consapevole dei terreni agricoli, presupposto indispensabile per la conservazione del paesaggio, e che favoriscono lo sviluppo di forme di agricoltura sociale e di iniziative di turismo rurale ad integrazione del reddito agricolo.

Due esempi tra i tanti: le filiere del pan di sorc, un pane dolce e speziato ottenuto con la miscela di tre farine diverse (mais cinquantino, frumento e segale), e delle latterie turnarie di Buja e Campolessi, esempi virtuosi di un modello di condivisione e autocontrollo delle produzioni casearie di eccezionale valore sociale.

Bamboline con foglie di mais-002 

Se porterete i vostri bambini questa signora insegnerà loro come fare le bamboline con le brattee (Scus), il cartoccio di mais.

About these ads

23 responses to “Gemona ritrova il MERCATO DELLA TERRA, 22 agosto quinto appuntamento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: