Archivi tag: Albicocche secche

Coppa speziata alle pere e fiocchi di latte, un post banale per Dauly, ma sarà poi banale?

É da ieri sera che rido, beh ho ben mangiato, dormito, ora sto bevendo un buon caffè al cardamomo, però ogni volta che mi tornava/torna in mente il commento di Dauly non riesco a trattenere le risate, quelle sane risate che ti fanno contrarre gli addominali e che sostituiscono quegli esercizi noiosi.

Bisognerebbe ridere di più per avere un addome scolpito :-)

Con Dauly abbiamo fatto anche tante chiacchierate divertenti, mi chiamava mentre portava a spasso la sua adorata Ziki, mi raccontava dei suoi attraversamenti da un lato all’altro della città in bicicletta, mi è stata vicina in un momento particolare.

Beh, diciamolo che un pò polemica lo è anche lei né ;-) spesso la incrocio in blog mentre difende o va contro qualche argomento che esula dalla cucina però Dauly lo può fare, lei, contrariamente a me, ama stare con gli altri e gli altri amano stare con lei, forum, feisbuk, contest, raccolte, sa relazionarsi, è solare, sincera, generosa, diciamo che è una leader ed è una dalla quale non devi mai guardarti le spalle, Dauly non distribuirà mai sorrisini finti a dx e a manca, come diciamo a Trieste: se xé xé se no xé no xé (se c’è c’è se non c’è non c’è).

Non è un problema che non venga a commentarmi se non in poche occasioni di condivisione (ora me n’è rimasta 1 sola) e certamente non sarò io a darle una lavata di testa e chi sono? :-D

Qui funziona così, se vai nei blog a salameleccare avrai qualche commento in più, altrimenti nulla, il vuoto… dico la verità, non ho proprio il tempo materiale per gironzolare ed andare in cerca di follower.

Il tempo preferisco trascorrerlo sul blog, a scrivere le mie storie strampalate, a pubblicare ricette, che più che ricette sono giochi culinari, fare foto, tenere Perla sulle ginocchia che ogni tanto fa la sua corsa sulla tastiera scompigliando tutto.

Come dico spesso molte persone che commentano non sanno neanche cosa stanno commentando e dove sono capitate…

Io sono un pò una “palla” e non sono mai riuscita e mai riuscirò a legare con molte persone assieme e quando mi accorgo che qualcosa non va giro i tacchi e cancello il passato, questo mi rende profondamente odiosa ma ci vogliono anche gli odiosi come termine di paragone per gli adorabili..o no?

Nel commento Dauly si/mi chiede se mai riuscirò a fare un post banale, forse questo è perfetto: foto che lascia a desiderare, ricetta semplicissima, introduzione giocosamente leggera.

Ingredienti per 4 coppette:

  • 2 confezioni di fiocchi di latte da 150g.,
  • 8 piccole pere (le mie erano grandicelle Kaiser),
  • succo e scorza di limone,
  • 2 cucchiaini di cannella in polvere,
  • 1 cucchiaio di zucchero Muscovado,
  • 80 g. di albicocche secche.

Come fare:

sbucciare 4 pere e tagliarle a pezzetti, metterle in una casseruola con lo zucchero, la cannella, il succo e la scorza di limone ben lavato e cuocere a fiamma bassa, mescolando di tanto in tanto fino a che saranno disfatte.

A circa metà cottura aggiungere anche le albicocche secche tagliate a pezzettini.

Intanto lavare le altre pere e cuocerle con la buccia in un cartoccio di stagnola ben chiuso, in forno a 180° C. per circa 30 minuti.

Servire in coppette individuali alternando cucchiaiate di composta di pere tiepida a cucchiaiate di fiocchi di latte e servire mettendo al centro della coppetta una pera cotta al forno.

La mia pera è stata in forno troppo e si è raggrinzita :-(

Buon fine settimana fanciulle/i  e soprattutto buon fine settimana a Dauly che mi ha fatto rassodare gli addominali :-D


Stollen: un “Concerto di Natale” a 4 mani…

Beh, forse abbiamo esagerato però è stato davvero un concerto di Natale a 4 mani,  perchè? Perchè lo Stollen è un dolce tipico Natalizio e, com’era già successo per i Kouloria, ho cucinato con Solema.

Per dirla tutta c’è stata qualche “stecca” ma poi le note sono tornate tutte al loro posto sullo spartito e ne è uscita una musica “dolce” e davvero tutta “da mangiare”.

Copio-incollo dal blog di Solema, la mia ormai nota “compagna di merende”, man mano in corsivo sottolineato metterò le variazioni “obbligate” (a causa di una lievitazione inaspettatamente precoce e generosa) e le nostre considerazioni e consigli sul cosa NON fare.

Abbiamo pensato, dal momento che lo Stollen non si presta a molte varianti, di giocare un pò con le forme e colori.

Abbiamo colorato il marzapane e lo zucchero a velo creando così gli “Stollen multicolor”.

Ci saranno molte foto, per il procedimento fa riferimento il post originale di Solema che è già stato modificato.

 Ingredienti x 3 stollen (ne abbiamo fatti 1 grande 3 midi 2 mini):

  • 750 gr. di farina forte,
  • 200 gr. di zucchero,
  • 1 bustina di lievito secco liofilizzato (25 gr di lievito di birra),
  • 280 gr. di latte tiepido**,
  • 250 gr. di burro morbido,
  • 1 cucchiaino di cannella,
  • 1 cucchiaino di cardamomo,
  • 160 gr. uvetta,
  • 100 gr. di mandorle con la buccia,
  • 40 gr. di canditi misti,
  • 40 gr. di zenzero candito,
  • 80 gr. di albicocche secche morbide,
  • Rum q.b,
  • 2 uova,
  • Sale 5 gr.

Per spennellare:

  • 30 gr. circa di burro
  • Zucchero semolato q.b
  • Zucchero a velo q.b

In questa foto è suggestivo il “raggio” però la forma degli Stollen non è quella che dovrebbe essere, questo per il motivo che abbiamo specificato, lo stollen deve “allargarsi” anzi “spaparanzarsi” come dice la mia “Stollen-socia”

Procedimento:

fare il lievitino con 130 gr. di farina, 80 gr. di latte, 1 uovo e il lievito.

Sciogliere il lievito con 2 cucchiai di latte, a parte battere leggermente l’uovo, aggiungere il resto del latte, la farina, deve risultare una crema densa (come da foto da Solema).

Coprire e mettere a lievitare in luogo tiepido, fino al raddoppio, solitamente ci mette circa 40 minuti, questa volta ci sono volute 2 ore (il mio 35 minuti)

A questo punto, nell’impastatrice (ho usato la MDP) mettere il resto della farina, lo zucchero, la cannella, il cardamomo e il lievitino, dare una giratina e mettere il latte gradatamente (forse non serve tutto), deve risultare un impasto molto sodo (mi sono aiutata anche a mano).

Rimettere in funzione l’impastatrice, aggiungere il sale e l’uovo sbattuto leggermente e, quando questo sarà amalgamato, iniziare ad incorporare il burro, un pò alla volta, sempre con l’impastatrice in azione.

Quando tutto sarà ben “incordato”, mettere l’impasto in una terrina unta di burro, coprire e lasciar lievitare fino al raddoppio, ci sono volute 12 ore.   Ho messo a lievitare alle 20 e ripreso in mano la mattina dopo alle 8 circa.

Io ho messo a lievitare alle 23 e alle 5 di mattina usciva già dalla terrina, quindi ho messo l’impasto in frigorifero per fermare la lievitazione.

Sgonfiare delicatamente l’impasto e incorporare i canditi, le uvette, le albicocche che avrete messo in bagno nel rum la sera precedente tagliate in 4 o 5 pezzi, sgocciolati bene e all’occorrenza anche asciugati, incorporare anche le mandorle intere e dividere l’impasto in tre parti.

A questo punto con Solema abbiamo deciso di farli di diverse misure, io ho optato per 1 grande e 2 mini-stollen che ho infornato nello stampino da plum cake, lei con la sua metà (senza cardamomo) ne ha fatti 5 midi.

Sulla spianatoia infarinata iniziare a lavorarli uno alla volta, arrotolarli con le mani fino ad avere un cilindro, spianarne metà con il matterello e nel pezzo più grosso appoggiare il marzapane, che avrete preparato anzitempo o, come NOI acquistato :-)

Arrotolare anche il pezzo che  abbiamo spianato fino a coprire il marzapane.

Mettere gli stollen sulla teglia ricoperta di carta forno e dividerli con la stessa, appoggiare il mattarello sulla chiusura per sigillare al meglio.

Abbiamo notato alla fine che non va bene metterne tanti nella stessa teglia perchè, anche se divisi dalla carta, tendono a “sformarsi” , si allargano fino ad un certo punto e poi lievitano in verticale diventando una specie di Plum cake (buonissimi comunque ma l’ estetica non è il massimo)

Coprire con la pellicola (Solema mette un sacchetto per sotto vuoto aperto) e con una copertina e lasciare riposare anche qui fino al raddoppio. Ci sono volute circa 4 ore. Faccio lievitare nel forno spento con la luce accesa, ma riscaldato anticipatamente a 30°. (Noi ce la siamo cavata in meno di 2 ore)

Far cuocere nel forno preriscaldato a 170°C. x 15 minuti , a 160° per circa 40 minuti.

Appena cotti spennellarli abbondantemente di burro fuso, sempre abbondantemente spolverarli di zucchero semolato e subito dopo di zucchero a velo.

Stollen grande

Lasciar raffreddare e avvolgerli nella carta di alluminio, la ricetta originale vorrebbe, appunto, un riposo di almeno 2 settimane, ma ripeto, dopo aver fatto più prove, preferisco farli maturare per non più di 2 giorni.

Stollen Midi

La lavorazione sembra complicata ma non lo è, si può fare anche a mano, visto che a metà lavorazione l’impastatrice di Solema l’ ha abbandonata!!!

Con l’olio di gomito, tutto riesce…;-) …però con l’olio di 4 gomiti è meglio :-D

Aggiungiamo 2 foto, quelle dello Stollen grande (quello classico con anche il cuore di marzapane naturale),  prima dell’ultima lievitazione e prima di essere infornato.

Stollen ultima lievitazione.

Stollen da infornare.

Questo è il mini-stollen (nel mini stampino da plum cake) che abbiamo “infiocchettato” con un nastrino di marzapane…ce n’erano 2 ma 1 è stato mangiato di nascosto da un “topolino” di casa :-(


Crema all’albicocca e cardamomo con agar agar, senza glutine e lattosio.

Avrei voluto usare l’agar agar, già per i cheese cake, ma anche se sono casalinga il tempo scarseggia, diciamo che per fare bene le mie cose ho bisogno di spazi e tempi che litigano con l’open space e la sua presenza ma questa volta ho aggirato l’ostacolo e col solito tranello sono riuscita a far quadrare il bilancio dessert/ello/foto/post.

Da una sua visita dallo zio è ritornato con un sacchettino di albicocche bio che più bio non si può: le ho raccolte io 1 ora fa :-)

Ohhhhhhhhhhhhhh che bravo :-D

Così, finalmente ho avuto l’occasione di farmi un delizioso dessert leggero e profumato  usando l’agar agar che adooooro :-D

Cardamomo nuovo

Oggi vi parlerò del Cardamomo, spezia che adoro che mi ha fatto scoprire Nigella con i suoi Biscottini, a suo tempo lo cercai a lungo e dopo varie vicissitudini coronai il mio sogno.

L’amore dura tutt’ora, più forte di prima ed anche “ello” ha imparato ad amarlo ma questo lui non lo sa ancora e non lo saprà mai ;-)

Il Cardamomo cresce spontaneo nella parte occidentale dell’India, è coltivato a Ceylon e qua e là nell’arcipelago malese.

Proprietà

Aromatizzanti, eupeptiche (aiuta la digestione e stimola l’appetito) diuretiche, batteriostatiche.

Principi attivi

Olio essenziale, amidi, pentosani.

I frutti del Cardamomo costituiscono una delle spezie dall’aroma più caratteristico e raffinato, essi sono (erano) poco noti in Italia, mentre indiani e orientali, delle cui plaghe è originario, e i popoli di lingua inglese lo conoscono e lo utilizzano per condimenti aromatici.

La droga ha un aroma caldo e pungente dovuto al suo preziosissimo olio essenziale, esso è molto usato nell’industria dei liquori, delle bibite, dei dolci e dei profumi.

Il settore farmaceutico lo utilizza per il suo elevato potere coprente di odori e sapori amari, disgustosi o troppo persistenti quali le vitamine del gruppo B, gli estratti di fegato, gli antibiotici.

Contemporaneamente esso esercita favorevoli funzioni sull’appetito, aiuta la digestione ed è un ottimo carminativo.

La tradizione popolare suggerisce di masticare un frutto di Cardamomo in caso di indigestione o di coliche intestinali.

la medicina ufficiale lo utilizza in preparazioni dove si trova associato ad altr droghe aventi funzione amaro-tonica, stimolante, atidispeptica, e diuretica.

Recentemente ne è stata dimostrata un’attività batteriostatica comune a tutte le droghe contenenti oli essenziali.

L’utilizzazione diretta di preparati domestici di Cardamomo non è consigliabile.

Con l’approvazione del medico si può comunque utilizzarne la tintura o assumerlo in pozione.

Tintura: 20 g. in 100 ml di alcool di 70° (a macero per 5 giorni).

A gocce (fino a 20) in acqua zuccherata in caso di necessità.

Pozione amaro-tonica: miscelare, nell’ordine, 8 g. di tintura di Cardamomo, 8 g. di tintura di Rabarbaro, 40 g. di sciroppo di arancio amaro, 40 g. di alcool, 40 di glicerina, 4 g. di bicarbonato di sodio e 65 g. di acqua distillata.

A cucchiai in caso di necessità. (Pagina 637 Le erbe medicinali aromatiche cosmetiche)

Ingredienti:

  • 350 g. di albicocche snocciolate divise a metà,
  • 1/2 cucchiaio di sciroppo d’Agave,
  •  2 bacche di cardamomo pestate nel mortaio,
  • 1/2 cucchiaino di cardamomo in polvere,
  • 1,5 dl di latte di riso,
  • 2 g. di agar agar in polvere è la dose che ho usato per avere una consistenza cremosa e non “gommosa”.
  • fiocchi di cocco tostato per guarnire.

Volendo, fuori stagione si possono usare le albicocche secche dopo averle reidratate.

Come fare:

mettere le albicocche, il cardamomo pestato e 2 cucchiai d’acqua in una casseruola, coprire e, a fuoco dolce, portare ad ebbollizione.

Aumentare la fiamma e far sobbollire ancora per 10/15 minuti per far ammorbidire le albicocche.

Frullare e aggiungere il cardamomo in polvere.

Sciogliere in poco latte di riso l’agar agar evitando i grumi, aggiungere il resto del latte e far bollire per 5 minuti, unire la polpa di frutta e mescolare bene.

Versare la crema nelle coppe e riporre in frigorifero per c.ca 2 ore, decorare con i fiocchi di cocco, sedetevi in terrazza, possibilmente al tramonto, fate salire la/il gatta/o sulle ginocchia e rilassatevi.


Biscottini cioccolato e zenzero per l’ora del te.

Piove….così, per consolarmi un pò (sono appena stata dalla parucchiera :-( ) ho frugato nel cassetto dei ricordi alla ricerca di qualche ricettina golosa  per colorare un pò questo cielo.

Un’ occhiata alle foto, qualche ritocchino qua e là (Picasa) e la scelta è caduta su questi cuoricini al cioccolato e zenzero.

Ho preso la ricetta da una scheda in quelle piccole scatole di latta, solitamente sono scettica perchè alcuni “esperimenti” sono stati tragicomici.

Questa volta è andato tutto liscio, le mie piccole varianti tra parentesi.

Ingredienti per c.ca 60 cuoricini:

  • 100 g di uvetta (60 g albicocche secche),
  • 125 g di cioccolato fondente,
  • 60 g di zenzero fresco,
  • 1 uovo,
  • 60 g di burro ammorbidito (burro di soia),
  • 100 g di zucchero (50 g di fruttosio),
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia,
  • 200 g di farina,
  • 1/2 cucchiaino di lievito per dolci (cremortartaro).

Per la finitura:

  • cioccolato bianco,
  • granella di nocciole,
  • granella di pistacchio.

Procedimento:

tritare finemente le albicocche secche, tritare il cioccolato fondente, sbucciare lo zenzero e grattugiarlo, sbattere l’uovo.

Montare il burro, lo zucchero e l’estratto di vaniglia, unire un pò alla volta l’uovo che deve legare immediatamente al burro.

Aggiungere la farina, il lievito, le albicocche secche, il cioccolato e lo zenzero fino ad ottenere un impasto omogeneo.

Avvolgere l’impasto nella pellicola e farlo riposare per 1 ora in frigorifero.

Accendere il forno a 180°C.

Stendere l’impasto tra 2 fogli di carta forno e ritagliare con le formine che desiderate (l’importante che non superino i 5 cm).

Disporre i biscotti sulla teglia foderata, distanti 2 cm. l’uno dall’altro sul secondo ripiano dal basso del forno e cuocere per 15 minuti (ventilato 160° C. per 14 minuti).

Sfornare e far raffreddare, nel frattempo sciogliere a bagnomaria o nel microonde il cioccolato bianco, intingere la parte che desiderate decorare e cospargerla a piacere con la granella di pistacchio o di nocciole.

Se non li mangiate tutti subito durano 1 settimana :-)



Cottura nel vaso: oggi…dolce ♣giardinaggio♣

♣Buongiorno! Gridò il vento soffiando vivace e l’erba scompigliata
sorrise al giorno bambino…

Eh già, oggi giardinaggio, ma non quel giardinaggio che vediamo nei films inglesi, con cappello di paglia a tesa larga, guantini  con dolci fantasie,  grembiule milletasche ed alla fine cesto piatto pieno di rose….no!!! Proprio no!!

Ho 2 vescicone sulle dita, le braccia graffiate, il collo pieno di punture omaggio di chissà quale strano insetto, una abbronzatura “a mezza manica”…però il giardino è perfetto..o quasi, domani devo soltanto aggiungere qualche sacco di terra, annaffiare, concimare e spargere la corteccia a rifinire il tutto.

Per restare in tema “fiori” ho rispolverato questa ricetta già sperimentata l’anno scorso, ho cambiato vaso ed omesso i fichi secchi, ecco:

Per ingrandire cliccare sulle foto!! Baci!

Procuratevi un vaso in cotto smaltato internamente  senza foro, non sarà facile, vi guarderanno “strano” ;-)

Occorrente:

  • 500 g di farina 00,
  • 1 bustina di lievito in polvere (baking powder),
  • 1 cucchiaino di bicarbonato,
  • 200 g di zucchero di canna (muscovado),
  • 230 g di burro fuso,
  • 4 cucchiai di latte,
  • 1 tazza da te di albicocche secche,
  • 2 uova,
  • 3 cucchiai di semi di papavero,
  • 150 g di nocciole tostate e tritate,
  • mezza tazza di fichi secchi tritati (omessi).

Come “invasare”:

imburrare il vaso (o lo stampo, l’importante che sia a bordi alti),

preriscaldare il forno a 190°C.

In una ciotola setacciare la farina con il lievito, lo zucchero, i semi di papavero, le nocciole, le albicocche secche tagliate a pezzetti, mescolare con cura.

In un altro cotenitore sbattere  il latte con il burro fuso e le uova.

Unite i 2 composti mescolando brevemente (come per i muffins).

Riempire il vaso e fate cuocere per c.ca 40 minuti o fintanto lo stecchino (in questo caso quello da spiedino) uscirà asciutto, io ho calcolato 50 minuti.

Sfornare ed attendere 10 minuti prima di sformarlo.

Non è propriamente un dolce da “primavera-estate” ma potete tagliarlo e congelarlo, è ottimo per una colazione piena di sprint!