Archivi tag: Panna

Torta salata agli asparagi, semplice e versatile, senza limiti.

asparagi verdi cit alto1-001

Ho deciso di scorporare le ricette doppie dai post e, dal momento che gli asparagi sono di stagione, inizio da questa torta salata, versatile perchè può diventare senza glutine sostituendo la sfoglia (ce ne sono in commercio di affidabili e buone), sostituendo panna e burro (quest’ultimo si può omettere) con quelli di soia o di riso diventa perfetta per gli intolleranti al lattosio.

Ma non dico nulla di nuovo, si sa che le torte salate sono le amiche di chi sa cucinare, di chi non lo sa, di chi ha tempo e di chi non ne ha, insomma,  un fazzoletto di pasta sfoglia può accogliere un mondo.

Torta salata asparagi sfornata-001

Ingredienti per una tortiera apribile da 24 cm.:

  • una confezione di pasta sfoglia pronta o fatta da voi,
  • asparagi a scelta, verdi, bianchi o misti,
  • 2 uova,
  • 150 di panna,
  • prosciutto cotto a piacere, (in un’altra ho usato soltanto taleggio),
  • una noce di burro,
  • sale,
  • pepe verde.

collage torta salata asparagi-001

Come fare:

eliminare la parte coriacea degli asparagi, mettere da parte le punte e tagliare i gambi a pezzi non troppo piccoli che cuoceremo a vapore lasciandoli al dente.

Sciogliere il burro in una padella e far insaporire gli asparagi, salare, pepare e toglierli dal fuoco.

Nella terrina sbattere leggermente con la forchetta le uova con la panna, il sale ed il pepe.

Stendere la sfoglia nella teglia, bucherellare il fondo (senza andare oltre), disporre gli asparagi mescolati al prosciutto cotto, distribuire il composto di uova, ripiegare la pasta e decorare con le punte di asparago.

Infornare a 200°C. per 35/40 minuti fino a doratura.

torta salata asparagi fetta1-001

Buon maggio a tutti.


Millefoglie di Cuori di cioccolato con spuma al frutto della passione, finchè il cuculo canta la primavera esiste…

 

Millefoglie di Cuori di cioccolato con spuma al frutto della passione.

All’alba, al mio precoce risveglio ho sentito cantare il cuculo, sono molti giorni che lo sento ed il meraviglioso silenzio che avvolge il luogo dove abito me lo fa godere tutto questo suo canto, voi sapete quanto io ami la natura vero?

É stato un attimo, la mia mente è andata tra le pagine di un libro di Mauro Corona, Finchè il cuculo canta. É  fatta, mi sono detta, sarà lui, Mauro Corona a raccontare al posto mio le mie emozioni ed il mio pensare.

Ho sfogliato il libro (li ho tutti) l’ultimo capitolo, quello parla del cuculo, forse è un pò lungo ma se amate leggere me, leggete il racconto, ne vale la pena.

 

Foto dal web

Tutte le mattine vado al bar, vicino casa. Ce ne sono due nella nuova Erto, uno di fronte all’altro. Per non far torto a nessuno li visito entrambi.Nel primo bevo il caffè, nel secondo una grappa o viceversa. Leggo il giornale, quello del giorno prima, il nuovo arriva solo dopo le undici, con la posta. Quasi sempre incontro gli amici: Carle, Silvio, Pin, Ottavio il vecchio cacciatore, Vanni.

Carle e Silvio hanno la mia età, siamo nati nel ’50, a Erto. Siamo cresciuti assieme, nella contrada San Rocco, vicino alla chiesa, dove per secoli ha pulsato il cuore della vecchia Erto. A volte stiamo seduti a chiacchierare. Leghiamo i discorsi con qualche bicchiere, una sigaretta. Facciamo finta di non vedere la scritta minacciosa che ammonisce dai pacchetti: “Nuoce gravemente alla salute”. Non ci curiamo di certi allarmanti dolorini sul lato destro del costato. Nei miei amici c’è una pacata rassegnazione, raramente sui loro visi si dipinge l’allegria. Se parliamo del futuro qualcuno risponde: “Non mi interessa vivere un secolo, non so quanto ho davanti comunque sono pronto”. Allora parliamo dell’infanzia, dell’adolescenza, della gioventù, trascorse insieme, in quel borgo ormai abbandonato, vuoto. Ricordiamo senza nostalgie, senza rimpianti: abbiamo capito che non serve; parliamo perchè ci fa bene. La vita spegne molte cose, l’entusiasmo, il sorriso, ma non riesce a spezzare quel filo che lega gli amici d’infanzia.

Carle vorrebbe tornare a vivere nella vecchia casa, l’ha messa a posto, è pronta ad accoglierlo come un tempo. “Quello è il mio paese”, dice. Scriveva Giacomo Noventa “Un giorno o l’altro mi tornarò al paese…Su le rovine, mi cercarò, le vecie case”. Anch’io vorrei tornare nella mia casa.

A volte Carle ed io ricordiamo i tempi del collegio Bertoni, a Udine, i lunghi giorni dentro quelle mura, l’incapacità di comunicare con gli altri: ci chiamavano i pecorai. I pomeriggi solitari, appoggiati a una colonna a parlare di Erto, dei nostri giochi, dei nostri sogni, degli amici da cui il Vajont ci aveva divisi. A volte torna anche la naja. Un Natale ci scambiammo gli auguri a distanza. Eravamo alpini a Sauris, un paesino del Friuli. Durante le manovre invernali, io camminavo tenendo la mula per la cavezza, si chiamava Innata. Lui transitò sul cassone di un camion militare carico di pini per gli ufficiali. Mi chiamò. Non ci fu permesso sostare, ci scambiammo gli auguri al volo. Subito dopo il camion sparì dietro una curva.

Non parliamo mai del presente, sempre degli anni passati, forse perchè ridevamo di più. Il sogno di Carle sarebbe di salvare il paese vecchio, anch’io lo vorrei, anche Silvio e molti altri. Negli ultimi trentasei anni sono cadute più di cento abitazioni, molte sono fatiscenti, ormai è solo questione di tempo per la fine. La contrada San Rocco, stretta, lunga, con le case alte su ambo i lati è vuota, muta come un fiume in secca. Così pure le altre: Soprafuoco, via delle Scuole, Balbi, contrada Le Gaie, Mela, Dozzi. Protette dalla sopraintendenza ai beni culturali, le case del vecchio paese crollano una dopo l’altra. Come gli alberi del “boscaiolo della Luna”, pare che l’una, cadendo, spinga giù quella vicina in un irrefrenabile gioco di birilli.

Carle diventa cattivo quando sente parlare di tutela del patrimonio culturale.

Assieme abbiamo lavorato nella cava di marmo del monte Buscada. Un giorno emigrò. Quando tornò dall’Africa mi consegnò una cartella con dei fogli. Erano poesie, una mi riguardava. Non la ricordo per intero, ho in mente solo una frase: “Da un pino ricava un bambino, da un abete un ariete”.PL’amicizia è anche questo.

Con Silvio il rapporto è più allegro. Parliamo spesso di donne, con un certo cinismo, nel suo caso tocca la misoginia. Molti anni fa lavorammo alla costruzione del ponte di Longarone. Fu l’ultima volta che ci trovammo fianco a fianco. Nel tempo libero io scolpivo il legno, lui passò a una ditta di sondaggi geologici. Perforava il terreno per trovare falde acquifere. Una sera discutevamo sulle nostre carriere. Con la complicità di qualche bicchiere la discussione si animò. Silvio fece dell’ironia sulle mie sculture. Punto nel vivo passai al contrattacco. La domanda mi uscì cattiva, precisa, fatta apposta per ferire: “Ma tu in fondo che cosa hai fatto nella vita?” “Ho fatto buchi nella terra per trovare l’ acqua”, rispose ridendo. Rimasi fulminato. Il suo lavoro era stato più utile del mio. Senza sculture l’umanità sopravvive, senza acqua no.

Oggi, per dimostrare che anche lui ha talento, scolpisce figure erotiche nel legno di cirmolo. Si muovono con un’elica spinta dal vento. Si autodefinisce artista erotico. Riesce a piazzarne parecchie, il cattivo gusto ha molti clienti.

A Pin mi legano gli anni della cava, le estati a Pinedo nella balera all’aperto. Era il mio autista personale. Dopo una settimana a spaccar pietre, il sabato scendevamo dalla montagna e, con la sua cinquecento, partivamo in cerca di donne. D’estate “il vivaio” era appunto la balera di Claut. Non abbiamo mai concluso niente, mai trovata una donna, solo sbornie colossali. Cosa non combina la timidezza! Un’estate, avevo diciotto anni, mi ero innamorato di una bionda vertiginosa dagli occhi fatali, frequentava la balera. Aveva dieci anni più di me. Ci provavo, sorrideva come per dire: “Cosa vuoi ragazzino!”. Però era educata, elegante, non infieriva. Bevevamo, parlavamo, ballavamo quando l’equilibrio non era compromesso, nulla di più. All’improvviso sparì. L’ho rivista dopo trent’anni, quest’estate, proprio a Claut, dove era nato e finito il sogno. Mi ha chiamato, non l’ho riconosciuta. Stava su una sedia a rotelle, le era stata amputata una gamba, ingrassata, i capelli quasi grigi, gli occhiali. Sotto le lenti brillavano ancora gli occhi fatali. Ho provato affetto per quella donna.

Con Pin si parla della vita: anche per lui è stata dura, eppure non ha mai perso il coraggio, l’entusiasmo. Qualche mattina lo vedo pensieroso, ma dura poco. Nel corso degli anni sono andato a trovarlo due volte in ospedale. Sezionato dai ferri del chirurgo non faceva una piega. “Come va?” gli ho chiesto questa primavera quando era ancora convalescente. “Finchè il cuculo canta e lo sentiamo va tutto bene”, ha risposto. É una frase di Ottavio, il vecchio cacciatore, l’abbiamo scelta a nostro motto. Se si potesse vendere la forza della vita, Ottavio sarebbe miliardario. Vado a trovarlo tutti i giorni sul colle. A maggio siamo stati una settimana sui monti a sentire il canto dei galli forcelli. Durante il giorno facevamo lunghe camminate, cantavano i cuculi. Di sera, riscaldati da un fuoco di mughi, nella remota casera Galvana parlavamo un pò di tutto: della fortuna, della salute,dei soldi, dei figli, della vita, insomma. Mi lamentavo dell’ingiustizia del mondo, della mia poca fortuna che in realtà è molta e della sua che è davvero poca.

“Non lamentarti – disse Ottavio – finchè il cuculo canta e lo puoi sentire tutto va bene“.

Siamo alle soglie del nuovo secolo, molte cose sono cambiate. L’antica Erto non vive più. Nelle case di pietra sono rimaste poche famiglie. All’imbrunire, un vecchio va a trovare i morti in cimitero. Forse vuole solo prendere confidenza con il luogo che lo accoglierà fra non molto. La vecchia chiesa è stata abbandonata, sostituita dalla nuova in cemento bianco, come quella di Longarone. Pare che tra i cementi quello bianco goda di un certo privilegio. Il 24 agosto, giorno di San Bartolomeo patrono del paese, si fa ancora la processione con la statua del martire ma è una cosa striminzita, senza calore. Vi partecipano quattro persone, il percorso è stato accorciato per finire in fretta. Il Santo è avvilito, pare che voglia dire: “Lasciatemi in chiesa, non vale più la pena di essere portato in giro per le vie”. I giovani sembra non siano interessati a coltivare le cose semplici. Il patrimonio culturale del loro paese non li interessa, non sono stati educati a queste cose. Sono cresciuti davanti al televisore. Intontiti dalla scatola magica, usano il profumo per “l’uomo che non deve chiedere mai”, sognano l’automobile da “soli ventinovemilioninovecentomila chiavi in mano”.

Con gli amici, la mattina al bar, si parla anche di questi tempi confusi, sempre non riusciamo a tener lontana la malinconia. Segretamente, siamo ansiosi di mettere il piede nel terzo millennio, di sentire il cuculo del duemila, perchè finchè il cuculo canta la primavera esiste.

cioccolato per millefoglie   

Ingredienti per i cuori di cioccolato (metà dose):

  • 125 g. di cioccolato fondente,
  • 15 g. di cacao amaro.

Come fare i cuori di cioccolato:

sciogliere il cioccolato a bagnomaria, unire il cacao setacciato, stendere su un foglio di silicone o carta forno, far raffereddare e ritagliare la forma, conservare in frigo.

 

Ingredienti per la spuma di maracuja (metà dose):

  • 1 foglio di gelatina (5 grammi),
  • 3 frutti della passione (Maracuja),
  • 60 g. di zucchero,
  • 250 g. di panna fresca,
  • 50 g. di yogurt greco.

Come fare la spuma:

ammorbidire la gelatina in acqua fredda , nel frattempo estrarre la polpa dai frutti della passione (maracuja), metterla in un pentolino, assieme allo zucchero  e cuocere a fuoco lento finchè lo zucchero sarà sciolto, setacciare il composto e metterlo in una terrina.

Sciogliere a bagnomaria la gelatina in 5o g. di panna e montare la panna rimasta.

Unire la gelatina al composto di frutta con lo yogurt, la panna montata e riporre in frigorifero per 1 ora.

Comporre la millefoglie alternando il cuore (o la forma scelta) di cioccolato alla spuma direttamente da una sac a poche, terminare col cuore.

A me è avanzata la spuma e l’ho messa nei gusci di maracuja decorando con dei piccoli cuori di cioccolato…d’altronde, sapete che la passione è uno degli ingredienti principali della mia cucina ed un racconto così non potevo che “corredarlo” con un dolce fatto col suo frutto.

 

Buona giornata.


Millefoglie alle fragole.

Millefoglie alle fragole.

Ce l’ho fatta, finalmente sono riuscita a sdivanare l’amor-bradipo ed a trascinarlo fuori dalle mura domestiche.

Senza fare Kilometri da queste parti c’è molto da vedere, basta avere voglia di “fare 4 passi”…

Dopo essere stati a mangiare la trota a Cergneu nella solita trattoria all’aperto con le vasche a vista:

breve passeggiata per visitare quel che resta del Castello:

La “bella” Castellana in posa plastica…

*Pare che la personificazione della superbia e della crudeltà, si fossero concretizzate nell’ultimo dei conti di Cergneu Savorgnan Brazzà il quale, tra l’altro, ammazzava personalmente affinché “no restassin al mont a mangiâ di bant” quanti, tra i suoi coloni o servitori, fossero arrivati ai sessant’anni.

Il giorno del suo sessantesimo compleanno, un pover’uomo di Ramandolo cominciò, prima di imboccare la strada del castello di Cergneu, a salutare per l’ultima volta amici e parenti.

Ma il figlio dell’uomo, volendo porre fine a quell’usanza crudele, diede al padre un coltello per uccidere, raccomandandosi a San Giovanni Battista, quel conte sanguinario.

Con il coltello nascosto sotto la camicia, l’uomo si presentò al conte che lo condusse Verso la Val del Montana, dove fu fatto inginocchiare con la testa rivolta verso la fossa.

Giunto il momento d’agire, il poveretto, preso il coltello, si girò verso il conte colpendolo al ventre e, “distirantlu come che al fos stât un purcit”, lo gettò nella fossa a lui destinata.

Il Battista aveva protetto non solo il colono, ma aveva salvato quanti fossero arrivati ai…sessanta.

A questo santo, secondo la tradizione, si deve anche la “salvezza” dell’ala rimasta integra di questo castello.

Cergneu era stato assalito da un nobile che, con i suoi soldati, voleva espugnarlo e, in parte, c’era riuscito.

Da un varco tra le mura che stavano cedendo, uscì con i due figlioletti, la contessa Sigismonda che, in nome di Giovanni Battista da cui affermava discendere, implorò pietà.

La risposta fu che sarebbe stata risparmiata solo se avesse presentato i documenti che certificassero tale parentela.

Così, dopo aver risalito faticosamente quanto restava del castello, la nobildonna ritornò con un rotolo di pergamena che certificava la sua discendenza dal grande santo.

L’assalitore, a questo punto, se ne andò non prima di coprirsi il volto e di stringere con rispetto la mano di Sigismonda lasciando, così, integra l’ultima ala, quella ancora visibile, del castello.*  (Tratto da qui).

Dal 1999 al 2005 ci sono state 5 campagne di scavi archeologici per la messa in sicurezza ed il consolidamento della muratura.

Ed ora arrivo alla ricetta, questo dolcetto l’ho preparato ieri al nostro ritorno, m’incuriosiva molto la “cialda” fatta senza albume e con la passata di fragole, da rifare e da “rivisitare”.

Ingredienti per 12 cialde del diametro di 8 cm. (più avanzi da adoperare per crumble, base cheese cake ecc.):

  • 50 g. di farina,
  • 180 g. di zucchero,
  • 100 g. di farina di mandorle (mandorle tritate finemente),
  • 100 g. di burro (di soia),
  • 100 g. di fragole frullate e setacciate.

Ingredienti per la farcitura  e guarnizione:

  • fragole tagliate a pezzetti piccoli,
  • panna montata (io vegetale),
  • zucchero a piacere.

Come fare le cialde:

impastare la farina con lo zucchero, il passato di fragola, il burro sciolto e la farina di mandorle, far riposare 20 minuti.

Rivestire la teglia del forno con la carta e stendere l’impasto con una spatola formando uno strato sottile (io l’ho volutamente fatto più spesso).

Infornare a 180° C. (ventilato) fino a che la superficie apparirà dorata e croccante (se fate lo strato sottile), sfornare ed attendere qualche minuto affinchè si indurisca ma non troppo, quindi ritagliare 12 dischetti (o forme a piacere).

Preparare la salsa di fragole alla stessa maniera del passato, zuccherandola o facendola bollire assieme ad un bicchierino di distillato se vi piace, io l’ho preparata in purezza.

Comporre la millefoglie su un letto di salsa, alternando la cialda ai pezzettini di fragola e panna,  si possono anche far macerare le fragole con zucchero e foglioline di menta o, con aceto balsamico che con le fragole fa sempre la sua figura .

 


Buona Pasqua, io ve la auguro così:

Con uno spiedino fatto con oliva verde, ovetto di quaglia croccante , basilico, cuoricino di feta e datterino.

E con loro…


La Magia del Natale e un semifreddo all’improvviso.

 

Stranamente quest’anno, nonostante sia un anno mal-predisposto, mi sento inaspettatamente avvolta dalla magia del Natale.

Ho addobbato la casa con le luci che la sera creano davvero un’atmosfera rasserenante, l’ho profumata posizionando negli angoli delle arance decorate con i chiodi di garofano (ello mi ha detto che le metterà in un grande pentolone di vino e farà un vin brulè), ho appeso una decorazione anche sulla porta della palazzina.

Ho sempre odiato (è la parola giusta) il Natale e non è difficile immaginare il perchè, è una festa che fa sentire più solo chi è solo, non c’è da stupirsi se le cronache del giorno dopo sono piene di casi di suicidi avvenuti nella notte.

Per fortuna io, che sono sempre stata sola, ho avuto anche la fantasia d’inventarmi qualche diversivo, quando ancora gareggiavo ne approfittavo per fare gli allenamenti lunghi ed era una sensazione bellissima pedalare al centro della strada senza paura di venire travolta, erano tutti a pranzo.

Quando non pedalavo andavo a sciare, fondo o discesa non importava e lì, tra il candore della neve, gli auguri fioccavano da tutte le parti, sulla seggiovia, nel rifugio, alla fine di una diagonale prima della curva, in una pista in mezzo al bosco: Auguri!!! Buon Natale, Buon Natale anche a lei, tutte le voci rompevano il silenzio ovattato, mentre il freddo colorava i nasoni, tutti erano felici, tutti si volevano bene, un pò come succede nel web, ci si vuole tutti bene, siamo tutti belle persone poi, il giorno dopo non ci si vuole più bene e si è diventati di nuovo brutte persone, anche questa è la magia del Natale.

 

A volte, chi sapeva che ero sola, m’invitava a pranzo, invito che declinavo senza esitare proponendo una mia visita dopo, per un brindisi e per quattro chiacchiere informali.

Per me non c’era cosa più triste dell’invito a pranzo proprio quel giorno, oggi molte famiglie ospitano qualche persona sola, qualche anziano della casa di riposo, qualche senza tetto, qualche bambino dalla casa famiglia.

Ecco, in quel caso l’affetto ed il calore umano possono regalare ore liete a chi non ha nessuno e per chi l’alternativa non sarebbero certo una gita in bicicletta o una giornata sulla neve ma la compagnia di una bottiglia, di una sigaretta e ricordi, tanti ricordi.

 

Il Natale affina anche l’arte del riciclo e non soltanto il riciclo del cibo che, inevitabilmente (a noi) avanza, ma si riciclano i regali.

Pratica che io personalmente aborro, io amo i regali pensati ad personam, spesso reprimo l’espressione perplessa nel ritrovarmi in mano qualche regalo inadatto a me pensando che basta il pensiero, ma l’idea che mi venga regalato qualcosa di riciclato mi mette più tristezza del famoso invito a pranzo.

Collage suonatore Villaco1-1 

Collage suonatore Villaco-1 

Vi auguro un sereno Natale, da soli o in compagnia ma che sia il Natale perfetto per ognuno di voi.

SORPRESA!!!

Ecco qui, arrivare la parte dolce del post, la parte golosa..una telefonata, l’invio delle foto, la ricetta detta a voce  ed ecco che Tiziana mi manda questo semifreddo, semplice e d’effetto, ha scelto le formine monoporzione perchè avendo già il  semifreddo ai marroni da affettare farà un piatto di assaggini golosi.

 

Ingredienti per 15 formine come da foto:

  • 500 g. di ricotta,
  • 2 dl di panna fresca da montare,
  • 100 g. di zucchero semolato (possibilmente quello finissimo),
  • 5 tuorli,
  • uvetta ammollata nel succo d’arancia (se voi  avete ospiti adulti va benissimo il rum),
  • pinoli,
  • la buccia di 1 arancia  e mezza (abbondate pure),
  • marmellata d’arancia per nappare.

 

Come fare:

setacciare bene la ricotta e lavorarla assieme alla scorza d’arancia, l’uvetta ed i pinoli.

Montare a bagno maria i tuorli con lo zucchero, far raffreddare, unire il composto di ricotta ed alla fine, delicatamente, la panna montata.

Rivestire le formine o, se preferite, uno stampo unico con la pellicola e riporre in freezer.

Prima del servizio riporre in frigorifero, se ci fosse difficoltà nello sformare immergere il fondo per qualche secondo in acqua bollente.

Sciogliere in un pentolino a fuoco bassissimo la marmellata e diluirla poi con il succo fresco o col rum se scegliete quello.

Nappare il piatto, appoggiare il semifreddo e, BUON NATALE e GRAZIE TIZIANA.

semifreddo ricottaTiziana-2 

E con gli albumi che vi sono avanzati fate i biscottini di Nigella.


Clafoutis di ciliegie e il ricordo deI mio primo giorno di scuola.

clafoutis di ciliege senza n-1

Clafoutis di ciliegie.

Settimane fa feci un sogno, e mi svegliai convinta fosse il primo di ottobre, infatti sognai il mio primo giorno di scuola.

Il sogno è stato così nitido e reale che durante il giorno vissi in una sorta di triste malinconica nostalgia.

A quei tempi la scuola iniziava il primo ottobre, dopo una lunghissima estate  durante la  quale mi preparai a quel giorno con grande impegno.

Mi feci insegnare dalla mamma a leggere e scrivere, sapevo già che acqua si scriveva con la cq, che scuola non si scriveva con la q, mentre per soqquadro ce ne volevano  2 di q, servivano anche  2 zeta per scrivere zuzzurellone e la mamma rideva sempre quando lo dicevo perchè ancora la zeta non la pronunciavo bene, dicevo “sussurellone”, ma poi, testarda ed orgogliosa com’ero/sono, tutto si risolse in poco tempo soltanto facendo un pò di esercizio.

La mamma m’ insegnò anche a disegnare, a lavorare a maglia, insomma quella famosa mattina del primo ottobre del 1960, indossai il grembiulino candido che mi aveva cucito lei con tanto di fiocco rosa in bella mostra e colma di  orgoglio e fierezza m’ incamminai spavalda verso quella strada sconosciuta.

Scuola Edmondo de Amicis

Foto presa dal web

Soltanto qualche giorno dopo entrarono in scena le ciliegie che sarebbero state il mio segno di riconoscimento per tutto il periodo scolastico (troncato l’anno dopo all’improvviso, almeno in quella scuola), i miei quaderni avevano tutti la cornicetta con le ciliegie disegnate da me, sotto l’appendiabiti nel corridoio, sopra il mio gancio c’erano disegnate le ciliegie che, come abbiamo fatto tutte (ne ho anche parlato in un post), durante la  stagione diventavano vezzosi orecchini :-)

Mi sentivo ancor più fiera perchè non avevo ancora compiuto i 6 anni (4 novembre) quindi ero la più piccola.

Andiamo che sennò facciamo tardi dissi alla mamma che, vidi molto emozionata, forse avrebbe voluto ci fosse anche papà, in fondo era sabato e lui era libero.

C’incamminammo per l’argine che costeggiava il Rio Ospo ed arrivammo alla fermata della filovia (a quei tempi con o senza filo, l’autobus si chiamava così) davanti al Molo Balota, l’anomala spiaggia dei muiesani e zone limitrofe.

D’altronde è risaputo che per un triestino qualsiasi spazio in riva al mare utile per poter stendere un asciugamano xe oro (è oro).

Eccoci arrivate alla stazione delle corriere e via verso la scuola, all’angolo della piazza il negozio di alimentari dove, dopo qualche giorno, avrei comperato la merenda (pane e stracchino, monotematico), proseguendo ed al lato della strada proprio di fronte alla scuola le bancarella con i dolcetti, quaderni, matite e tutto ciò che mi sarebbe servito in caso di una dimenticanza.

In quella bancarella scelsi anche il mio sacchetto per la merenda, era in nylon con dei fiori e stretto in cima da un cordoncino, a quei tempi usava così, non era ancora arrivato il boom dei discriminanti zainetti firmati.

Ancora pochi metri ed ecco la Scuola Elementare Edmondo de Amicis.

Il grande atrio, luminosissimo, tra un attimo sarei arrivata, che emozione.

In quel grande atrio c’erano già tante mamme e tante bambine riunite in gruppetti, sembrava che  si conoscessero tutti.

La mamma ed io eravamo lì in mezzo, sole, impalate e non conoscevamo nessuno, d’altronde non avevo mai frequentato l’asilo, lei era stata sempre a casa da sola, un’infanzia “strana” la mia ma la ricordo felice e piena di tante belle cose, le “cose brutte” ci sono ma non sono riuscite a sporcare la memoria delle belle.

Avevo i miei giochi non sentivo il bisogno di stare con gli altri bambini, vivevo in mezzo alla natura, vicino avevo il Rio Ospo (ancora non inquinato) pieno di anguille e passere.

Giocavo con i ranocchi che portavo a casa a secchi con l’ordine tassativo di riportarli dove li avevo trovati.

Tiravo per la coda senza l’intenzione di fargli del male il mio gatto Gigi del quale conservo ancora in  ricordo  la cicatrice di un graffio alla mano, giocavo con la mia cagnolina Diana della quale ho un altro ricordo: il segno di un suo dentino al lato dell’occhio sinistro:

lascia stare Diana quando mangia,

si papà…

invece era no, papà io gioco lo stesso finchè? Forse per paura che le togliessi il cibo mi prese, ma non successe nulla di grave però imparai la lezione.

Amavo raccogliere fiori di campo, farne dei mazzi per la mamma ed anche per il papà che  mi sembrava indifferente…

Lui preferiva portarmi nell’orto e, con la scusa che così imparavo mi faceva fare i lavori più bassi , quelli rasoterra per intenderci, l’ho già detto che la terra è bassa vero?

Ecco, la mia vita era questa, non  immaginavo allora che per costruirmi un futuro  di normale socialità avrei dovuto conoscere e frequentare altre persone.

A quello forse avrebbero dovuto pensarci i grandi però erano altri tempi, il dialogo, la voglia di essere bravi genitori non erano le priorità.

Il mio mondo era quello, non ne conoscevo altri e là impalata in mezzo a quel atrio, tenendo la mano alla mamma, la guardai negli occhi e mi accorsi che stava piangendo.

Perchè piangi mamma?

Sono soltanto un pò commossa, in fondo è il tuo primo giorno di scuola.

Ecco, questo è stato il mio sogno ed è anche la realtà: il ricordo di quel giorno.

Ora so che le lacrime della mamma erano le lacrime di una donna  sola e triste  e neanch’ io con la mia gioiosa presenza siamo servite a rendere la sua vita meno triste…anzi, forse la mia nascita gliel’aveva complicata ancor di più.

Tant’è che un anno dopo se ne andò lontano, lasciandomi sola e trasformando le mie spensierate vacanze di Natale e la mia vita in un incubo che dura tutt’oggi.

E per addolcire il post e restare fedele al tema ciliegie, una ricetta che c’era nel vecchio blog e lo chiamerò: la ricetta di oggi che è una ricetta di Anna Moroni (pagina 264 del libro di Anna Moroni Oggi cucini tu).

Non è frutto di stagione ma ritornerà la primavera e ritorneranno anche loro.

Un dolce forse troppo pencio ma quando non puoi nutrire l’anima almeno si nutre altro.

ciliegie m-2

Ingredienti x 8 persone (ho usato la teglia da 30):

  • 10 tuorli
  • 250 g. di zucchero (150)
  • 1 bicchiere di latte
  • 150 farina 00
  • 250 g di panna fresca
  • 1200 g. ciliegie
  • Burro per imburrare (io ho usato la carta forno).

Tutto si può alleggerire usando la panna di soia, il latte di soia, il fruttosio ed il burro di soia.

Come fare:

snocciolare le ciliegie, lavorare i tuorli con lo zucchero, unire il latte, la farina e la panna.

Foderare una tortiera (30 cm) con carta forno, mettere sul fondo le ciliegie e versare sopra il composto.

Infornare a 180° (statico) x 40′ (50′ e lasciata nel forno spento per altri 10′).

Buona settimana.

*************************************************************************

Ho trovato questo scritto su un foglio è un caso?

Ero così emozionta, mi sentivo impacciata ma elegante con quel grembiulino bianco e la coppia di ciliegie ricamate sul taschino, sarebbero state il mio segno di riconoscimento per tutto l’anno scolastico, tutto ciò che era mio aveva la coppia di ciliegie in qualche punto, la stessa coppia di ciliegie che qualsiasi bambina del mondo si mette a cavallo dell’orecchio per vanità e per sentirsi bella con orecchini sfarzosi.

Lei aveva le lacrime agli occhi, si sentiva a disagio, non conosceva nessuna delle altre mamme e ad un certo punto mi disse:

io vado, sai come tornare a casa vero?

Si, mamma, vai pure.

Si, lo sapevo, ma abitavamo distanti, avrei dovuto prendere l’autobus e poi farmi un bel pò di strada a piedi.

Così rimasi lì sola, impalata in mezzo a quel enorme atrio con un sorrisetto ebete stampato sulle labbra a  simulare una disinvoltura che non mi apparteneva.

La prima C, questa sarebbe stata la mia sezione, io mi sentivo orgogliosa perchè sapevo già leggere e scrivere, sapevo che soqquadro si scrive con 2 Q e acqua con CQ, zizzania con 2 zeta.

Quello che accade in seguito quella mattina di ottobre del 1960 l’ho rimosso e non ne ho alcuna memoria.

Ricordo le mattine seguenti, la lunga camminata per l’argine, l’autobus di fronte al Molo Balota, il panino con lo stracchino, si, ogni mattina lo stesso panino, un giorno dev’ essere stato avariato perchè rigettai tutto nel grembiule e chiesi alla maestra:

cosè questo?

Lei ebbe un sussulto e mi accompagnò in bagno, poi me ne andai a casa, da sola, non avevamo il telefono e non sapeva come farmi venire a prendere.


Soufflè glacè alla carota, tofu, rosmarino e top all’ aceto balsamico.

Soufflè glacè alla carota, tofu, rosmarino e top (mini)all’ aceto balsamico.

Ingredienti della ricetta originale, tra parentesi le mie varianti.

  • 250 gr yogurt bianco (120 tofu cremoso),
  • 3 albumi (del peso di circa 100gr) (50 g.),
  • 200 gr zucchero a velo (100 g.),
  • 100 ml acqua per lo sciroppo (70 ml di sciroppo ottenuto dal succo centrifugato di carota e rosmarino),
  • 200 ml panna montata (100 g.),
  • 1 cucchiaio di composta per il tofu (carota grattugiata)+ composta per il ripieno (carotine baby  con top di glassa di aceto balsamico).

Come ho fatto :

ho centrifugato le carote e ho scaldato il succo, senza farlo bollire, assieme al rosmarino, ho filtrato,  pesato ed ho unito la proporzione di zucchero ottenendo lo sciroppo per la meringa italiana.

Nel succo rimasto ho messo delle carote grattugiate, le ho cotte per qualche minuto ed ho ottenuto una purea che ho aggiunto, nella proporzione consigliata, al tofu setacciato.

Per il resto tutto come sempre, ho riempito il lettino con rondelline di carote baby che ho passato velocemente nel burro di soia, rosmarino e una puntina di zucchero per glassarle ed alla fine ho versato qualche goccia di glassa di aceto balsamico.

Per evitare le solite colate gli ho messo la cuffietta della nonna che in realtà è un copritappo di stoffa impermeabile al’interno.


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: