Archivi tag: Porri

La leggenda del Lago di Cavazzo e Sformatino di Patate, Porro e Alpentilsiter: antipasto della domenica.

Sformato patate porro e Alpen...-001 

Tempo fa avevo pubblicato la leggenda dell’Amariana, oggi vi racconto quella del Lago di Cavazzo che sta proprio sotto il Monte Amariana e il Monte San Simeone, sembra messo lì apposta per dissetare la bella Amariana e l’Orcolat.

Come per tutte le favole o leggende la morale è sempre la stessa, non fare mai del male, perchè prima o poi ti arriva “la bolletta”

Lago di Cavazzo 

Il Lago di Cavazzo (Foto dal Web)

Una volta, tanti anni fa, quando il lago di Cavazzo non esisteva, il Signore e San Pietro si trovavano a passare da quelle parti.

Era una calda giornata di piena estate e si sa, cammina cammina, in mezzo a sassi e ai rovi, ai due viandanti era venuta una gran sete.

Allora il Signore si rivolse a San Pietro: “Guarda là, si intravede un casolare, vai a chiedere se ci danno un po’ d’acqua”.

Dall’umile casa si affacciò una vecchia dal volto arcigno, che apostrofò in malo modo San Pietro: “La fonte è lontana, in casa non ho acqua a sufficienza da dispensare a forestieri e pellegrini”. E gli sbattè in faccia il pesante portone.

Costernato, San Pietro ritornò brontolando verso il Signore e gli raccontò l’accaduto.

“Suvvia, Pietro, non ti arrabbiare, guardà là, oltre il cespuglio, c’è un altro fienile. Vai e prova a chiedere a quei contadini, forse avremo più fortuna”

Gesù confidava sempre nel buon cuore degli uomini, ma il suo apostolo ricevette un altro sonoro rifiuto, perciò ritornò sui suoi passi sempre più sconsolato mostrando al Signore le mani vuote e la gola ormai arsa dalla sete.

I due viandanti non si dettero per vinti e bussarono in un’altra casa e in un’altra ancora, ma dagli abitanti di Cavazzo non ricevettero né acqua né ospitalità.

Mancava un’ultima dimora, l’ultima veramente, molto povera, posta alla fine del paese.

Senza più speranza, sfiniti ed assetati, i due pellegrini, con la poca forza che era loro rimasta, bussarono anche in quella casa derelitta.

L’uscio si aprì ed una vecchia gentile li accolse con un sorriso e dette loro tutta l’acqua che chiesero e li invitò pure a fermarsi per la notte, visto che ormai le ombre lunghe del crepuscolo stavano scendendo sulla valle.

Ancora increduli, il Signore e San Pietro ringraziarono commossi.

“Buona donna, non sappiamo come ricambiare la vostra ospitalità, ma non ci scorderemo di voi, potete starne certa; ora dobbiamo riprendere il cammino, il nostro viaggio è ancora molto, molto lungo” dissero infine il Signore e San Pietro, salutandola con profonda gratitudine.

Una volta arrivato in paradiso, il Signore decise di premiare quella benefattrice che li aveva ristorati con tanta premura, mentre per gli altri paesani inospitali bisognava pensare ad una punizione.

“Già, una punizione” andava riflettendo meditabondo il Signore.

“E che sia esemplare!” esclamò alla fine.

Chiamò a se gli angeli del cielo e chiese loro di trasferire la casa della buona donna sopra il paese, osservò che il trasporto fosse completato, poi prese un gran mestolo, ma grande, molto grande, lo riempì d’acqua e lo versò sulla valle dicendo ai suoi abitanti: “Non avevate acqua a sufficienza? Ecco, ora vi accontento, non lamentatevi più!”.

Fu così che nacque il Lago di Cavazzo!

Tutti perirono sotto quel gran diluvio, tutti, eccetto la vecchina generosa che si salvò grazie all’intervento divino e visse ancora tanti, tanti anni nella sua casa in cima al monte e, quando morì, in ricordo e venerazione per quel miracolo ad opera del Signore, fu costruita sul luogo una chiesa dedicata a San Simeone (La buona vecchina era stata spostata proprio sul Monte San Simeone n.d.r.).

Ancora oggi si racconta che durante la notte in cui ricorre la festa dei morti si intravede, su quelle pendici, inerpicarsi una lunga processione di defunti con la candela in mano.

Gli anziani dicono che chi non va a San Simeone da vivo, deve andarci per forza da morto.

Proverbio che sta a ricordare l’antica sacralità del luogo e l’ospitalità premiata.

(Dal libro di Raffaela Cargnelutti: Fiabe e Leggende della Carnia  )

Ora la ricetta, io a Pasqua sarò alle Terme, in Austria e quindi la mia trasgressione culinaria sarà doppio tour attorno al buffet delle insalate, tra daikon, germogli e kartoffelsalat.

Quindi, oltre alla certezza che il mio agnellino rimarrà beato sotto la mammella della mamma a ciucciare, la mia Pasqua sarà all’insegna del relax, la cura del corpo e dello spirito e, con questo nuovo, speciale Papa mi sa che mi intrufolerò anche in qualche chiesetta sperduta a pregare, pregherò per me, per quei 4 gatti che mi vogliono bene e per tutti gli animali del mondo che occupano una bella porzione del mio cuore.

Nei prossimi giorni pubblicherò una proposta Pasquale, ispirata da questo sformatino che consiglio a tutti per la versabilità, sia per utilizzo di ingredienti che per le presentazioni.

collage sformatino Alpentilsiter n-001 

Ingredienti per 2 sformatini (alcune dosi non sono indicate perchè vanno dosate al momento):

  • 2 patate medie,
  • 1 porro,
  • 50 g. di Alpentiltiser   grattugiato finemente,
  • crema di latte e latte,
  • sale,
  • pepe,
  • burro per ungere gli stampini,
  • panna acida e foglia di porro sbollentata per decorare.

Come fare:

preriscaldare il forno a 180°C.

sbucciare le patate, lavarle e, con la lama apposita del robot, quella con lo spessore più sottile, tagliarle a fettine.

Sbollentarle per qualche minuto, NON SALARE L’ACQUA sennò si “spatasciano”, devono semplicemente diventare elastiche.

Scolarle ed immergerle in acqua fredda, scolarle nuovamente ed asciugarle bene, farle riposare qualche ora.

Tagliare i porri a rondelle sottili e brasarli fino a farli appassire, intiepidire ed unire il formaggio grattugiato finemente, pepare e, soo ora aggiustare di sale.

Mettere un cerchio di carta forno sulla base delle coccottine ed imburrare bene le pareti, foderarle con le fette di patate,
iniziare con uno strato di porri e formaggio ed alternare patate, porro fino ad esaurimento, io, dopo ogni strato di porro, aggiungo la miscela di crema di latte.

Prima di richiudere con le patate versare ancora un po’ di miscela di crema di latte, coprire con un foglio di stagnola ed infornare per 1 ora.

Eliminare la stagnola e continuare la cottura per altri 20/30 minuti, far raffreddare qualche minuto prima di sformarli.

Decorare a piacere, se vi va, con una fondutina leggera, io ho optato per un cucchiaino di panna acida e una foglia di porro sbollentata usata come sciarpa.. col freddo che fa oggi.

sformatino patate alpentiltiser forchetta-001 

Buona domenica a voi ♥


Pasta con crema di Peperoni di Elena.

Garganelli saraceno peperoni-001   

Simil – Garganelli con farina di grano saraceno e farina di tapioca fatti con le mie manine

Io, pur amando la pasta di mais ho voluto provare a fare da sola una pasta senza glutine, se avessi avuto la farina di riso avrei adoperato quella ma anche la farina di tapioca ha svolto bene il suo compito, temevo una certa “durezza” anche dopo cotta dato lo spessore volutamente grosso per mantenere la forma di simil-garganello.

Consistenza e sapore inaspettatamente perfetti, in bocca la sensazione di mangiare velluto, da rifare, anche semplicemente facendo una tagliatella, dei pizzoccheri ecc.

Ingredienti per 4 persone:

  • 2 spicchi di aglio (1),
  • ½ cipolla bianca (rondelle di porro),
  • 2 peperoni rossi (1 rosso, 1 giallo),
  • 2 pomodori medi maturi(altrimenti una scatola di polpa di pomodoro o pomodoro pelato fatto a pezzi), (1 cucchiaio di concentrato),
  • 1 confezione di panna da cucina ( nel 2012 queste sono senza glutine: yochef Parmalat e Chef Leggera Parmalat) o panna liquida fesca (quella da montare naturale, senza nessuna aggiunta di zucchero) oppure latte (omessa),
  • 1 ciuffo di basilico,
  • sale,
  • pepe (peperoncino),
  • olio e.v.o. quanto basta,
  • 400 g di fettuccine (io ho usato quelle senza glutine della Bioalimenta, buonissime; ne ho messe un po’ di più dato che un po’ squagliano nell’acqua di cottura), (garganelli con farina di grano saraceno e tapioca fatti in casa).

 garganelli saraceno-001  

Ingredienti per i simil-garganelli:

  • 70 g. di farina di grano saraceno con spiga,
  • 30 g. di farina di tapioca con spiga,
  • 1 cucchiaio d’olio evo,
  • 1 pizzichino di sale,
  • acqua q.b. per ottenere un impasto lavorabile.

collage garganelli peperoni-001 

Come fare i simil-garganelli:

io ho messo le farine, l’olio e il sale nel robot da cucina e ho aggiunto a poco a poco l’acqua necessaria ad ottenere un impasto elastico (ricordiamo che senza glutine è meno facile), ho formato la palla e l’ho messa sotto ad una tazza a riposare una mezz’oretta.

L’ho tirata poi con la nonna papera fino al numero 4, l’ho passata al rigagnocchi, ne ho ricavato dei rettangoli, li ho spennellati con albume (si può usare acqua (per i vegani) e li ho arrotolati diagonalmente.

Li ho cotti, al solito, in acqua bollente salata.

Come fare la crema di peperoni:

per la ricetta originale vi mando da Elena     io, non avendo pomodori freschi né pelati, li ho sostituiti con il concentrato diluito nell’acqua bollente, ho usato il porro al posto della cipolla e sostituito un peperone rosso con uno giallo per schiarire il colore al posto della panna.

garganelli saraceno piatto-002   


Semplicemente Frico, un po’ di Friuli per la Svizzera nel piatto.

Semplicemente Frico, un po’ di Friuli per la “Svizzera nel piatto”…

“Creare una o due ricette inedite, ispirate alla tradizione gastronomica italiana ma reinterpretate con i nostri formaggi”…

Questa una delle regole per partecipare al contest ideato da www.formaggisvizzeri.it ed è per questo che nulla è casuale in questo post.

A monte la scelta del formaggio che avevo assaggiato,  innamorandomene, tanti anni fa, la scelta della ricetta con la quale sposarlo, la semplicità delle foto e delle ambientazioni, il cuore, comune denominatore dei contest ai quali partecipo.

La semplicità, mi hanno insegnato che, quando si hanno a disposizione prodotti eccellenti di qualità, non c’è bisogno di fare grandi cose e dal momento che ho appena finito di leccarmi i baffi vi assicuro che, pur non avendone mangiati molti di frichi, questo lo rifarò, farò in modo di far avanzare un po’ di Sbrinz per replicarlo.

 Sbrinz: il formaggio più antico d’Europa è particolarmente ricco di tutti gli elementi nutritivi, ma anche e soprattutto digeribili, quindi consigliabile nell’alimentazione di ogni età.

Frico: tipico piatto friulano della provincia di Udine, è di antichissima origine.

Le più antiche ricette di Frico risalgono al 1450 circa, ad opera di Maestro Martino, cuoco del Camerlengo del Patriarca di Aquileia.

Semplicemente Frico, un po’ di Friuli per la “Svizzera nel piatto”…

Questa ricetta l’ho trovata in un vecchio libro di ricette della Carnia/Friuli che scrive così:

oggi il piatto viene ancora preparato, con frequenza, anche con formaggio di malga stagionato e grattugiato.

A questo intingolo si usa, talvolta, ggiungere, oltre alle patate, anche le cipolle, le erbe selvatiche o delle mele renette locali, grattugiate a scaglie.

La pietanza va consumata da sola o accompagnata con uova strappazzate.

Io ho scelto la versione con patate, arricchita dal porro che, essendo meno forte della cipolla, non interferisce e addolcisce la preparazione conferendole dolcezza e profumo.

Semplicemente Frico, un po’ di Friuli per la “Svizzera nel piatto”…

Ingredienti per 1 padella in ghisa del Ø di 22 cm.:

  • 250 g. di patate lesse,
  • 200 g. di formaggio Svizzero Sbrinz grattugiato,
  • 30 g. di porro (il bianco) tagliato a rondelle sottili,
  • 1 cucchiaino di burro chiarificato.
  • polenta per comporre gli spiedini.

Come fare:

far rosolare (senza colorirle troppo) nel burro chiarificato le rondelle di porro, aggiungere le patate precedentemente lessate (io le ho cotte a vapore con la buccia), sbucciate e grattugiate e, mescolandole, fatele colorire leggermente.

Aggiungere il formaggio Sbrinz grattugiato e continuare a mescolare per 5/7 minuti, dipende se desiderate un frico morbido o croccante.

Io ho optato per una cottura media, asciutta ma non troppo in modo da poterne ricavarne dei cuoricini con la formina.

Il Frico si può servire come secondo piatto o piatto unico, io ho scelto una moderna versione Finger Food alternando a mo’ di spiedino cuoricini di frico e di polenta (un avanzo che vevo precedentemente steso e livellato)

Alla prossima ricetta, questo è soltanto l’ antipasto, vi auguro un sereno fine settimana.


Tortino di orzo mondo con porri, sedano e la carezza del vento.

♥♥♥

…Trieste ha una scontrosa grazia.

Se piace, è come un ragazzaccio aspro e vorace,
con gli occhi azzurri e mani troppo grandi
per regalare un fiore;
come un amore
con gelosia.

Da quest’erta ogni chiesa, ogni sua via
scopro, se mena all’ingombrata spiaggia,
o alla collina cui, sulla sassosa
cima, una casa, l’ultima, s’aggrappa.

Intorno
circola ad ogni cosa
un’aria strana, un’aria tormentosa,
l’aria natia.

La mia città che in ogni parte è viva,
ha il cantuccio a me fatto, alla mia vita
pensosa e schiva.”

(Umberto Saba)

Mare Trieste

Ieri, mentre ritornavo dalla visita a Celeste ho preso la strada secondaria che attraversa le immense campagne circostanti.

Il cielo era limpido e c’era una strana atmosfera nell’aria, quando ho aumentato un pò la velocità il vento è entrato a spettinarmi e rinfrescarmi, ed è allora che è successo qualcosa, quel vento profumava di mare, il mio mare di Trieste, quello che mi fa sentire spesso un’emigrante malinconica in una terra meravigliosa ma che non mi appartiene.

Erano anni che non provavo più quella sensazione di pace e serenità, sentire quel profumo e quella sensazione di calore sulla pelle, è stato come se il mare avesse mandato quel vento a farmi una carezza.

Tortino di orzo mondo con porri e sedano.

Ingredienti per 2 persone:

  • 100 g. di orzo mondo Bio,
  • 1 porro ,
  • 1 bella costa di sedano,
  • 1 cucchiaio di olio EVO,
  • brodo vegetale,
  • parmigiano grattugiato,
  • 1 cucchiaio di burro di soia,
  • sale.

Come fare:

controllare che l’orzo non abbia sassolini ecc. lavarlo e metterlo in ammollo per 6 ore.

Metterlo nella pentola a pressione aggiungendo brodo vegetale, dal sibilo cuocere 50 minuti.

Nel frattempo tagliare porro e sedano a rondelle sottili e far stufare in olio EVO per circa 10 minuti, aggiungere l’orzo con poco liquido di cottura, aggiustare di sale e far insaporire per qualche minuto a fuoco vivace.

Versare il composto in una pirofila unta d’olio e spolverizzare con parmigiano grattugiato e fiocchetti di burro di soia, infornare per 30 minuti fino al formarsi della crosticina.

Essendomi avanzato un pò di composto ho preso 2 foglietti di pasta fillo, li ho unti con olio EVO ed ho fatto una tortina salata.

Pensando che ello non si sarebbe neanche avvicinato alla preparazione ho lasciato metà tortino per il giorno dopo ma, ma ello l’ha intercettato e se l’è pappato tutto, compresa la tortina, quasi tutta perchè ho voluto assaggiarla anch’io, mai dare nulla per scontato con ello.

Buona domenica.


Blecs di riso con pesto di piselli, porri e fiori di Ononis spinosa.

 

Blecs di riso con pesto di piselli, porri e fiori di “Ononis spinosa”♥

La salute comincia a tavola, credo sia giunto il momento di rispolverare questo vecchio proverbio e di iniziare a pensare a noi, alla nostra salute, sia fisica che mentale, già minate dalla vita di oggi, dalla mancanza di movimento, dai musi lunghi, dai fast food, dai 4 salti (!?!)clacson che suonano all’impazzata, indici alzati, fretta, intolleranza, rancore.

Ecco perchè è arrivato il momento di fare una scelta, scelta che inizia andando a cercare prodotti sani e genuini, spesso le scelte più difficili sono proprio quelle in cui devi eliminare qualcosa e paradossalmente mi accorgo che più diminuiscono i prodotti che desidero nel piatto  più esigente divento ed anche il trasgressivo quadretto di cioccolato dev’essere il migliore che c’è e possibilmente deve provenire dal commercio equo-solidale.

La cucina a questo punto diventa una  Scelta d’Amore, che per me è dettata non dallo stato di salute ma dalla necessità di volermi bene, di coccolarmi, quale coccola migliore di sedersi a tavola e trovarsi davanti un piatto con questi colori, con questa luce, ad ogni boccone senti di addentare la natura, di nutrirti di e con essa.

Io mastico molto lentamente, l’ho sempre fatto ed un piatto me lo godo fino alla fine.

Noi, che scriviamo e leggiamo qui, non mangiamo per fame, noi donne che cuciniamo abbiamo il coltello dalla parte del manico, usiamolo per dare un taglio alle cattive abitudini di chi si siede a tavola con noi, anche imbrogliando  (come faccio io), e la Scelta d’Amore sarà fatta.

Ecco, questo è il mio pensiero, ci sono cibi che ci aiutano a stare bene e non solo perchè alla fine, mangiare sano ed in modo naturale diventa uno stile di vita che nel tempo modifica anche certi nostri comportamenti e ci insegna a godere delle piccole cose che ogni giorno ci offre la vita al nostro fortunato risveglio.

 

Volevo iniziare con le fave che non ho mai adoperato ma ieri non le ho trovate e così ho comperato i piselli ed ho sostituito il sapore delle fave decorando il piatto con i fiori della Ononis Spinosa  che hanno quel sapore.

Una semplice pasta di riso condita con un pesto di piselli e porro, rotelline di porro stufate, olio extravergine di oliva ed i fiori.

Ingredienti per 1 persona (le quantità a vostra discrezione):

  • 50 g. di blecs di riso,
  • piselli sbollentati,
  • rondelle di porro,
  • 1 piccolo spicchio d’aglio,
  • olio evo,
  • sale,
  • fiori di Ononis Spinosa.

Come fare:

sbollentare  piselli in acqua salata e metterli in acqua fredda per conservarne il colore, stufare le rondelline di porro in olio evo e acqua di cottura dei piselli, preparare un “pesto” con i piselli, le rondelle di porro, l’aglio senz’ anima, sale ed olio evo.

Scolare la pasta e condirla col pesto ottenuto, decorare con piselli, rondelline di porro ed i fiori, volutamente non ho aggiunto né parmigiano né la sua sostituzione vegana  con fiocchi di lievito e semi di zucca ma voi potete farlo, se vi va.


Tagliatelle Pasticciate, riciclare con gusto.

 Tagliatelle riciclo sfornate

Anche per un’amante della pasta come me, le tagliatelle ottenute da 500 g. di farina sono troppe e, concedendomi lo strappo con quelle al caffè (che vi consiglio vivamente), le altre le ho riunite in una terrina, le ho unte per non farle attaccare ed ho pensato di pasticciarle con una besciamella al porro e della pasta di salame, prodotto che ello mi porta puntualmente a casa.

Mi piace riciclare il cibo, vestirlo di nuovo, trasformarlo, buttarlo MAI! Ed è così che, dopo i vari esperimenti con le tagliatelle, ho unito tutti gli avanzi in una pirofila, nulla di particolare, ma con la variante della besciamella al porro, questa teglia ha diffuso meravigliosi profumi.

Besciamella al porro.

La besciamella al porro l’ho ottenuta semplicemente con latte di soia, farina, il tutto nel microonde, io non ho aggiunto altro al latte e farina considerando che avrei aggiunto il porro brasato e frullato e la pasta di salame sgrassata anche questa in microonde, risciacquata, si, l’ho risciacquata per alleggerirla ulteriormente, se siete vegetariani/vegani  potete omettere.

L’idea di condire la besciamella non è mia, ho visto già qualcosa in giro, certo che è una splendida soluzione per condire ed insaporire, senza peccato, una lasagna e quant’altro, broccoli, cavoli, verze, carote, barbabietole, zucca e chi più ne ha più ne metta.

collage tagliatelle riciclo

Bene, dopo aver mescolato nella terrina gli ingredienti ho fatto uno strato in una pirofila, ho messo qualche fiocchetto di burro di soia (potete usare quello normale) e del parmigiano grattugiato (per i vegani il parmigiano vegano ottenuto utilizzando i fiocchi di lievito, del tofu affumicato grattugiato, sale affumicato e un mix di semi tostati) non molto, ho fatto un altro strato, altri fiocchetti altro parmigiano ed ho infornato a 200°C. per c.ca 15 minuti, altri 3/4 minuti con funzione grill.

Che dire? Se avessi avuto 3 teglie ello le avrebbe mangiate tutte, e pure io.

Per oggi è tutto, vi lascio la foto della fettadi torta salata che ho fatto con gli avanzi di porro e pasta di salame, semplicissima.


Zuppa di topinambour, patate viola, yogurt e barbe di porro: dalla terra con amore.

Zuppa di topinambour, patate viola, yogurt e barbe di porro.

Eccomi qua, qualche giorno di disintossicazione forzata da pc ed ora  ritorno in postazione, un pò frastornata perchè qualcosa non è esattamente come e dove l’avevo lasciato, nessun virus per fortuna, però mi rendo conto di essere troppo vecchia per questi stress, la prossima volta ci lascerò le penne.

Comunque sono stata bene, domenica mattina ho preparato dei dolcetti esclusivi per ello che sta diventando geloso del blog: fai sempre le ricette per il blog e per me niente.

Mi piacerebbe sapere chi le mangia le ricette per il blog.

Sono andata in biblioteca, ho fatto qualche ricerca, ho letto, mi sono rilassata, c’è una biblioteca fornitissima qui (ricordate il manuale di Nonna Papera?), pulita, silenziosa, gestita da persone gentili e pazienti (spesso restituisco i libri in ritardo forse perchè so che prendo libri poco ambiti

Poi ho finalmente preparato una delle ricette che avevo in programma con i topinambur, con quelli che ho raccolto con Annina la vicina, ricordate vero? Mi sono anche emozionata mentre lavavo dalla terra i tuberi bitorzoluti.

Vi sarà certamente capitato, in tarda estate, di vedere delle macchie gialle sparpagliate per i campi, vicino al mais o sugli argini dei fiumi ebbene, quelli sono i fiori di topinambour, se vi capita di ripassare in autunno/inverno al loro posto troverete degli sterpi rinsecchiti però, là sotto, scavando  troverete i tuberi, è quello che succede con le patate, fintanto sono in fiore i tuberi non sono maturi poi, quando tutto sembra ormai finito ecco che sotto la terrà crescono i frutti.

Dalla fabbrica al consumatore.

In questa zuppa ho voluto mettere anche le patate viola che hanno sostituito degnamente quelle  classiche legando il tutto senza bisogno di farina, burro o panna, ed hanno regalato alla zuppa una delicata nota rosata, elegante oserei dire, e per non farmi mancare nulla l’ho decorata con le Barbe Stufe, idea presa in prestito dal libro di Lisa Casali  La cucina ad impatto (quasi) zero.

Le barbe stufe altro non sono che le radici dei porri o cipollotti cotte.

Ho avuto la fortuna d’imbattermi in Milva proprio mentre li stava decapitando e ne ho fatto incetta, è proprio il caso di dire, i frutti della terra:

Cassettina di porri.

Topinambour, patate viola, barbe di porro.

Ingredienti per la zuppa (1 persona):

  • 200 g. di topinambour,
  • 2 patate viola,
  • barbe di porro o cipollotto,
  • 1 cucchiaio di yogurt greco,
  • qualche rondella di porro,
  • acqua (o brodo vegetale se preferite),
  • olio evo,
  • sale.

Come fare:

Lavare bene i topinambur e le patate e lessare con la buccia, scolare, tagliare a metà e schiacciare con lo schiacciapatate (le bucce rimangono nell’attrezzo, parola di Anna Moroni e mia )

In una pentola far appassire qualche rondella di porro con poco olio evo, unire la purea, far insaporire e coprire con acqua bollente salata (o brodo vegetale), cuocere per 30 minuti.

Frullare col minipimer, versare nella fondina, aggiungere un cucchiaio di yogurt greco e le barbe di porro stufate (segue ricetta).

Perla al Controllo Qualità.

Ingredienti per le Barbe Stufe (integralmente trascritta dal libro di Lisa Casali: la cucina ad impatto (quasi) zero) pag. 74:

  • le radici di 4 porri o 6 cipollotti:
  • aceto balsamico,
  • zucchero,
  • olio evo,
  • sale, pepe.

Come fare:

porre sul fuoco una padellina con un cucchiaio di olio, aggiungere le radici e farle saltare per qualche minuto.

unire qualche cucchiaio d’acqua (o brodo se disponibile), sale pepe, lasciar cuocere per 10 minuti.

Quando le radici saranno stufate, versare qualche goccia di aceto balsamico e poco zucchero, lasciar caramellare per un minuto.

Zuppa e barbe di porro.

Sul topinambur (dalla mia ricerca in biblioteca):

è una pianta di origine nordamericana (Canada), importata in Europa verso il XVI secolo e quivi naturalizzatasi facilmente.

Presenta radici profonde, molto ramificate e tuberi che costituiscono la parte commestibile; la parte epigea è costituita da fusti eretti, tormentosi, con foglie ovate e fiori giallo-dorati riuniti in eleganti corimbi terminali.

Per questo, oltre che farne uso in cucina, la pianta è coltivata anche a scopo ornamentale.

Parente prossimo del girasole, è infatti detta “girasole tuberoso”; per l’aspetto esterno e il colore bruno-rossastrodei suoi tuberi è chiamato anche “tartufo bastardo”.

Nei Paesi Anglosassoni, infine, è conosciuta come “carciofo di Gerusalemme”, i tuberi, infatti, hanno un sapore leggermente dolciastro, un pò simile a quello del carciofo.

Se ne inizia la raccolta verso ottobre, ma si trovano nel mercato tutto l’inverno.

Principali costituenti:

ai topinambur si riconosce un elevato valore nutritivo: sono presenti proteine, glicidi, sali minerali, vitamine A e C.

Per l’elevato contenuto di inulina, sono consigliati nelle diete dei diabetici, e per il valore nutriente ed energetico ed essendo facilmente assimilabili sono indicati nell’alimentazione di bambini, anziani e convalescenti.

Preparazione e utilizzo:

si lavano spazzolandoli, si pelano e s’immergono in acqua acidulata.

Crudi, si gustano tagliati a sottili fette e intinti nella bagnacauda; cotti, si mangiano lessati, conditi semplicemente oppure con salsa verde, trifolati, fritti, anche in pastella.

Si realizzano minestre delicate come la crema di topinambur, ottenuta con l’aggiunta di cipolla, cetriolo, prezzemolo, brodo e alla fine panna.

Il loro sapore dolciastro lega bene coi porri, e assieme accompagnano piatti di pesce oppure carni bianche.

Per oggi ho finito, vi ringrazio di essere passati così numerosi qui, accantoalcamino.

 


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: