Archivi tag: Tamarindo

Stufato di pollo al tamarindo: nessuno è profeta in Patria? E io cucino etnico.

Ho sempre saputo che nessuno è profeta in Patria, ma la conferma l’ho avuta quando gareggiavo, se in Italia su una dura salita eravamo 5 italiane e 1 americana o francese o comunque straniera il tifo locale (italiano) era tutto per la straniera..mentre in Francia (..strano no? ;-) ) , America, Scozia, insomma all’estero il tifo era diviso equamente tra tutte le atlete che si trovavano a faticare allo stesso modo….ma noi italiani siamo fatti così..e qui mi fermo :-)

Mmmmmmmmmmmmmmm che profumino!!

Ah si, mi sono fatta un pò di pollo per domani.

Ma hai messo il curry?

Si..pochino..ma ti piace il curry?

Si, non mi dispiace.

Ecco il dialogo tra ello e me a tarda sera al suo ritorno.

Nel pomeriggio fedele al proverbio: “quando il gatto non c’è i topi ballano” oltre alla cremina all’arancia mi sono scatenata con questa ricetta che rincorrevo da tempo ma, visti gli ingredienti, non mi ero mai azzardata a fare.

La fonte è un fascicolo sulle erbe in cucina datato credo 1980 e visto che galina vecia fà bon brodo in questo caso ho fatto:

Stufato di pollo al tamarindo.

Ingredienti:

  • 4 sottocosce di pollo,
  • 1 noce di cocco + un barattolino di crema di cocco,
  • 1/2 cucchiaino di semi di cardamomo,
  • 1 peperoncino piccante,
  • 50 g. di arachidi sgusciate,
  • 1 cucchiaino di semi di cardamomo,
  • un pezzetto di stecca di cannella,
  • 200 g. di polpa di tamarindo (100 g.),
  • 1  acciuga sott’olio,
  • 1  cucchiaino di curry in polvere.

Come fare:

sgrassare in un tegame antiaderente le sottocosce dalla parte della pelle, eliminando il grasso e pulendo la padella per alcune volte finchè la pelle risulterà bella croccante.

Coprire la carne con il latte di cocco, quello in barattolo e quello ottenuto dalla noce, unire l’acciuga, le arachidi divise a metà, il peperoncino e coprire.

Cuocere a fuoco bassissimo mescolando di tanto in tanto, quando la carne sarà morbida, scolarla dall’intingolo e far restringere il sugo.

Unire il cardamomo, il curry, la cannella e rimettere il pollo nel tegame, alla fine aggiungere la polpa di tamarindo.

La foto l’ho fatta prima del suo arrivo, il giorno dopo l’ho servito con del riso bollito, non avevo il basmati (sarebbe l’ideale) ho usato un vialone nano.

Com’è andata? Ah si..ora ve lo dico:

cosa mangi per pranzo?

Ma non avevi fatto il pollo?

Si, ma pensavo non ti piacesse col curry.

Dammi dammi che ho appetitone.

……………………………………………………….

Buono, buono, davvero buono, ce n’è ancora un pezzetto?

Si

Ce n’è ancora uno?

Si

Da rifare.

Ovviamente avevo fatto sparire le arachidi e la stecca di cannella ma ello non si è manco accorto del cardamomo e della cannella….che si sia globalizzato anche lui?

Vi auguro uno splendido fine settimana.


Sciroppo di tamarindo.

Ieri ho trovato le bacche di tamarindo, un segno del destino in quanto il mio sciroppo di fiori di sambuco è finito con grande sgomento del mio cliente preferito: ello.

L’ho chiamate impropriamente bacche ma sono dei bacelli che contengono la polpa che viene usata nella preparazione dello sciroppo.

Appena aperto un bacello ho intravisto una specie di lombrico che invece di farmi torcere il naso mi ha stupito, come sempre mi stupisco di fronte all’arte della natura.

Il loro colore è meno rossastro ma ho fotografato al tramonto ed io non sono una gran fotografa.

Le proporzioni per fare lo sciroppo sono:

2 litri d’acqua per 800 g. di polpa di tamarindo, lo zucchero sarà uguale al doppio del peso del liquido che si otterrà dopo aver bollito  la polpa per 1/4 d’ora a fuoco moderato e dopo averla filtrata.

Io non possiedo l’apposito termometro da sciroppo e per verificare la sua esatta consistenza ho preso una goccia di sciroppo tra pollice ed indice bagnati con acqua fredda, aprendo le dita si è formato un filo abbastanza consistente.

Dopo averlo imbottigliato e chiuso ermeticamente l’ho riposto  al fresco.

All’assaggio è risultato gradevole e degno sostituto dello sciroppo di fiori di sambuco.

Provate, se vi va.