Archivi tag: Tuorlo d’uovo

Torta Salata con Acetosa e Cipolla.

torta salata acetosa pronta n-002

Il mio approccio con le erbe è lo stesso che ho con i funghi, non avendo fatto corsi né per le une né per gli altri, preferisco andar per gradi ed aggiungere ogni anno un’erba o un fungo diversi.

L’acetosa l’ho conosciuta l’anno scorso e da quel giorno la curiosità di saperne di più mi è rimasta appiccicata addosso, ora, l’averla trovata nei campi vicino casa mi ha rinnovato la voglia di iniziare a sperimentare ricette con lei.

Questa ricetta, l’ho trovata su uno dei due piccoli libricini che mi erano stati regalati: l’erbario in tavola. Li ho trovati anche in rete,la prima parte ad un prezzo irrisorio mentre la seconda, a mio parere, ad un prezzo ingiustificato.

C’è anche in rete, un copia-incolla  ma a me piace provarle le ricette, specie quelle con le erbe che solitamente vedo nei campi ma che non immaginerei mai di poter portare in tavola per mangiarle.

In cucina mi piace essere affidabile, provare, modificare a piacere mio, condividere e spiegare, mi è già capitato che mi domandassero: che sapore ha? E voglio poter rispondere.

In questo caso rispondo prima, questa è una tortina dal sapore particolare, l’erba acetosa, lo dice anche il nome, è aspra e richiede la vicinanza di ingredienti che l’addolciscano un pò, quindi, non fatevi spaventare dalla presenza dello zucchero di canna è, per questa torta, il marito perfetto.

Acetosa foglia-001n

Il suo nome latino è Rumex acetosa, Rumex significa Lancia ed è proprio ad una lancia che assomigliano le foglie; questo vi aiuterà a riconoscerla e non confonderla, nel dubbio assaggiatela ed il suo sapore di aceto vi confermerà che state raccogliendo l’erba giusta.

In Lombardia la chiamano Erba Brusca e nel Milanese le fu dedicata anche una canzone..

L’Acetosa vanta una lunga storia, dal libricino: gli Egizi la raccoglievano in abbondanza e la servivano a fine pasto, come digestivo, persino alla mensa dei Faraoni; anche i Romani ne fecero molto uso, sia in cucina che come medicinale e la si ritrova menzionata da molti autori, fra i quali non manca Virgilio.

Nel Medioevo la si coglieva tenera per farne minestre e salse e per aggiungerla alle insalate, sottolineandone anche il valore medicinale, come in questo passo dei Consulti medici del Cocchi:

“Sia il pranzo consistente in minestra brodosa molto, di carne con pane e paste, e bollitura di lattuga o d’acetosa”

In alcune Regioni dell’Inghilterra veniva usata per sostituire le mele in torte e pasticcini nel periodo «vacante», quando cioè le ultime mele conservate durante l’inverno erano finite ma non era ancora spuntata l’uva spina.

Sul libricino ho trovato anche questa chicca:

Il Cuoco Piemontese, pubblicazione del 1766, riporta questa  Salsa verde all’Acetosa:

“Pestate un pugillo di acetosa in un mortaio, spremetene il sugo, indi passatelo allo staccio; mettetevi dentro del buon butirro maneggiato con farina, sale e pepe grosso, fate legare la salsa sul fuoco e servitene tanto di grasso come di magro”

Assai simile a questa preparazione è un’antica salsa lombarda: quella detta all’ erba brusca.

Ora andiamo in cucina, è da pochissimo che mi sono avvicinata alla pasta brisè ed ho notato che l’aggiunta di farina di tapioca rende l’impasto vellutato e setoso, quindi continuo così.

torta salata acetosa alto n-001

Ingredienti per una teglia da 24 cm.:

Per la Pasta Brisè, mia versione:

  • 150 g. di  farina 00,
  • 70 g. di farina di tapioca,
  • 100 g. di burro freddo tagliato a cubetti (per gli intolleranti al lattosio usare il burro di soia),
  • 1 tuorlo,
  • brodo vegetale freddissimo (al posto dell’acqua),
  • 1 pizzico di sale affumicato.

Ingredienti per il ripieno:

  • 500 g. di foglie di acetosa (io non l’ho pesata ma ne avevo un bel cesto pieno),
  • 2 grandi cipolle (rosse),
  • 2 cucchiai di zucchero di canna,
  • olio EVO,
  • 1 dl di panna liquida (per gli intoleranti al lattosio adoperare quella di soia o riso),
  • sale affumicato,
  • spalla cotta a pezzetti (facoltativa).

Collage torta acetosa-001n

Come ho fatto la brisè:

ho messo nel robot da cucina (con le lame da impasto in plastica) le 2 farine ed il sale, ho miscelato ed ho aggiunto il burro freddo tagliato a cubetti piccoli.

Ho azionato il robot ad intermittenza fino ad ottenere un composto sbriciolato, ho unito il tuorlo, ho riazionato ed ho aggiunto man mano il brodo vegetale necessario ad ottenere un bel composto vellutato ed omogeneo.

Ho formato una palla e l’ho avvolta nella pellicola, ho riposto in frigorifero per alcune ore.

cipolle affettate n -001

Come ho preparato il ripieno:

ho affettato sottilmente le cipolle, le ho messe in una padella con l’olio e lo zucchero, ho mescolato bene e le ho coperte, a filo, con dell’ acqua e le ho cotte fino a farle diventare trasparenti, se necessario aggiungere acqua bollente.

Appena pronte le ho scolate ed ho messo nella stessa padella l’acetosa ed il sale affumicato, ho coperto e l’ho fatta cuocere nella sua acqua di vegetazione.

Ho scoperto, alzato la fiamma e fatto asciugare il composto, ho tritato finemente ed aggiunto la spalla cotta.

Ho preriscaldato il forno a 180° C.

Ho steso la pasta ed ho foderato la teglia, ne ho bucherellato il fondo ed ho infornato fino a doratura.

Ho sfornato, ho fatto un primo strato con le cipolle, un secondo con l’acetosa, ho versato la panna, ho coperto con la stagnola ed ho infornato abbassando la temperatura a 180° C., per 20 minuti, ho tolto la stagnola ed ho continuato la cottura per altri 15 minuti

la ricetta originale prevede una gratatina di noce moscata sulla panna ma non la ritengo necessaria.

Varianti: si può aggiungere del formaggio a scelta nel composto di acetosa o mettere un tuorlo e parmigiano nel composto di panna, per attenuare il sapore dell’acetosa si possono aggiungere delle patate bollite schiacciate ecc. fate come vi piace.

Torta salata acetosa fetta-002n

Buona domenica, alla prossima ricetta.


Pavlova con frutto della passione, alchechengi, cako mela: è nata una *Stella*…

pavlova alto1-001

Si definisce una blogger *Old  Style*, soltanto perchè in estate le sue foto non hanno  sfondi Caraibici o d’inverno le distese innevate dell’Alaska, non sfoggia posate d’argento o porcellane di Limoges appoggiate su antiche tovaglie di lino ricamate dalle mani esperte di ricamatrici assoldate allo scopo da mammà.

Non si dilunga su racconti di vita quotidiana familiare o sui ricordi di quand’era fanciulla, raramente si mette in piazza e quando lo fa ci emoziona raccontando (brevemente) il giorno del suo matrimonio.

Da lei non leggerete mai quando porta *Fufi* al parco a fare la popò (non ha fufi mi sembra  ) o che le si è rotta un unghia poco prima di andare a teatro, non vi racconterà di amicizie finite male o di amicizie straordinarie che solo lei ha e le nostre sono solo palliativi

Lei è una donna coraggiosa, senza temere si è lanciata nel cerchio di *Cuochi e Fiamme* sapendo che in caso d’incendio il S.R. avrebbe spento il fuoco con un Canadair di coca-cola…

Ha affrontato anche lo sguardo ‘ssassino del Craco a Masterchef, si è talmente persa nei suoi occhi che nel frattempo l’anatra che doveva preparare è scappata via, correndo all’impazzata per le strade di Milano.

Da me viene a commentare quando i vari impegni glielo concedono, di fretta, non lascia neanche il link in modo che chi mi legge possa andare a curiosare tra i suoi fornelli, e aumentare le visite perchè no

Raramente legge il post, e la capisco, io scrivo molto (n.d.r.) il suo commento tipo da me è: non ho capito molto ma ciao 

Ed è per questo che ho scritto quello che penso di lei, tanto so che non lo leggerà

Resta il fatto che io, come si usa scrivere nel web e nei salotti bene: la adoooooooooro, non so se è per il piatto marrone dell’Ikea che sfoggiamo con eleganza ambédue per la mise en place, non lo so ma, come mi capita con tante altre mie ♥ Follower ♥, lei mi mette di buonumore e so che se la incontrassi sarebbe amore a prima vista chissà che prima o poi non accada un altro *Miracolo a Milano*.

Avrete capito tutti di chi parlo, ma parlo di lei la nostra Stella che brilla tra i fornelli del nostro foodblogger-firmamento, unica, inimitabile, straordinaria.

Lei ha vinto il recipetionist di ottobre e mi ha invitata a partecipare, con una sua ricetta al Recipetionist di novembre, non so se il regolamento contempla la partecipazione ad invito ma, vi prego, vi prego, fatemi partcipare, magari fuori concorso, farò la brava, prometto

Ho ancora memoria del suo cheese cake al pistacchio che a suo tempo mi aveva portata ad una produzione seriale così, appena letto il commento d’invito, sono corsa nella sua cucina, ho messo tutto sottosopra cercando la ricetta da fare e dopo un attimo avevo deciso, avrei fatto la  sua Pavlova .

Lo stesso giorno, nella cassetta della posta ho trovato l’ultimo sale e pepe, in copertina faceva bella mostra di se proprio una Pavlova, allora è destino, ho pensato, ho fatto la scelta giusta.

Ho pensato come onorare la sua ricetta, mi sono messa al lavoro e questo è il risultato:

pavlova lato

   Ho cercato in rete una Stella per lo stampo e l’ ho ricalcata a matita su carta forno cercando il più possibile di rimanere nelle proporzioni del cerchio di 20 cm. disegnato da lei, fatto questo ho preparato la meringa come da sue indicazioni.

pavlova stella da ricalcare   Pavlova stella carta forno

Ingredienti per la base di meringa:

  • 4 albumi,
  • 16 cucchiai di zucchero (semolato vanigliato con bacca e reso a velo nel macina caffè),
  • 1 cucchiaio di aceto bianco,
  • 2 cucchiai maizena.

pavlova meringa   pavlova meringa1

Come fare la base di meringa:

preriscaldare il forno a 180°C., montare bene gli albumi a temperatura ambiente evitando che si “rompa”, aggiungere lo zucchero e continuare a montare fino ad ottenere un composto lucido e setoso.

Aggiungere, mescolando a mano 1 cucchiaio di aceto bianco e 2 cucchiai di maizena BEN SETACCIATA.

Adagiare sulla placca la carta forno tenendo il disegno nella parte inferiore, imburrare e, aiutandosi con un cucchiaio, mettere la meringa all’interno della stella, senza debordare (debordera’ un pochino in forno).

Lo strato non deve essere regolarissimo, ne’ sottile, tuttaltro.

pavlova stella da infornare1   pavlova stella da infornare-001

Infornare 10 minuti a 180° C. e poi abbassare il forno a 150° C. per circa 45 minuti,  aprire il forno e far freddare.

pavlova sfornata

Ingredienti per il Top di Chantilly (Crema pasticcera + panna):

  • 4 tuorli,
  • 4 cucchiai farina (3 di maizena),
  • 4 cucchiai di zucchero (semolato vanigliato con bacca),
  • 5 bicchieri latte (1/2 litro),
  • 2 confezioni panna da montare.

Come fare la crema pasticcera (io l’ho fatta in microonde perchè temo che si attacchi alla pentola):

montare le uova con lo zucchero, aggiungere il latte caldo mescolando e la maizena sciolta in acqua fredda.

Se la preparate sul fuoco far bollire per 3 minuti, al microonde io ho fatto più fasi mescolando ogni 2/3 minuti fino alla densità voluta.

Coprire con la pellicola alimentare toccando la crema in maniera da non creare vapore acqueo ed evitare che si formi la pellicina.

pavlova decorata-001

Ingredienti per la guarnizione consigliati da Stella (tra parentesi la mia scelta):

  • frutta non troppo dolce,
  • frutti di bosco,
  • lamponi,
  • mirtilli,
  • fragole,
  • macedonia,
  • passion fruit,
  • alchechengi,
  • caco mela tagliato a fette sottili con l’affettatrice.

Stella consiglia, immediatamente prima di andare in tavola, di preparare la frutta a pezzi (se ce n’ è  bisogno), ma non dolcificarla.
Montare la panna ben fredda con un po’ di zucchero (omesso) e mescolarla alla crema pasticcera per ottenere una chantilly con la quale copriremo la base decorando con la frutta scelta.

pavlova pp-002

Questa può essere anche un’idea per un dolce di Natale, con delle decorazioni dorate o argentate (commestibili) oppure si può colorare la meringa di rosso come una stella di Natale.

Si possono fare  delle mini pavlove-segnaposto insomma, anche in questo caso Stella mi ha dato il là… Ed ora sono pavlove mie.


Cheesecake ai mirtilli.

Ingredienti per la base, teglia da 24 cm:

  • 100 g farina bianca,
  • 40 g di burro a pezzetti non freddissimo,
  • 40 g. zucchero,
  • 1 tuorlo.

Procedimento per la base:

setacciare la farina, porre al centro il burro, lo zucchero ed il tuorlo.

Lavorare velocemente, avvolgere in una pellicola e far riposare in frigorifero per 30 minuti.

Stendere la pasta sul fondo della tortiera coperta con carta forno, bucherellarla con i rebbi di una forchetta e cuocere in forno preriscaldato a 200°C  x 15 minuti.

Farla raffreddare.

Ingredienti per la crema di yogurt:

  • 1 kg. di yogurt naturale (greco),
  • 2 dl latte,
  • 150 di zucchero,
  • 30 g di gelatina in fogli,
  • 4 tuorli,
  • il succo di 1 limone,
  • 300 g. di mirtilli.

Procedimento per la crema di yogurt:

mettere la gelatina in abbondante acqua fredda, lavorare i 4 tuorli con lo zucchero fino ad ottenere un composto spumoso, aggiungere un po’ alla volta il latte che avremo fatto bollire in precedenza, mettere il composto ottenuto in un tegame  e portarlo ad ebollizione, mescolando, aggiungere la gelatina ben strizzata.

Togliere dal fuoco il composto ottenuto, porlo in una terrina capiente e lasciarlo raffreddare, unire lo yogurt ed il succo di limone.

Lavare i mirtilli ed asciugarli delicatamente.

Nella tortiera (che io ho foderato con la stagnola e pellicola, per evitare la fuoriuscita della crema) sistemare il fondo di pasta, versare la crema, alternandola con i mirtilli, io ho aggiunto la confettura di bacche di sambuco.

Far raffreddare in frigorifero per almeno 4 ore.