Avent e Nadâl, Tradizions Furlanis (Avvento e Natale, Tradizioni Friulane).

corona dell'avvento di Rosetta

Foto di Rosetta.

Dicembar al è il mês dal Nadâl; Dai paÎs dal nord e plui o mancul pandût secont une conotazion moderne, al è il calendari dal Avent, che al segne il timp che al mancje ae nassite dal Gjesù Bambin.

In ciertis comunitâts, si fâs la corone dal Avent, le fasin i fruts in cjase cul jutori dai gjenitôrs e a doprin fÎl di fier par tignî adun e dâ le forme, la brene e lis pomulis rossis, lis pignis e altris decorazions.

Catri cjandelutis impiadis une par domenie a segnalin il svicinâsi dal Nadal. Une grande e en metude in glesie al puest des cjandelis dal altâr.

Sot di Nadâl tes cjasis nol mancje il peç, sfodrât di lusutis coloradis. La divignince di cheste tradizion e puarte ae Gjermanie, e ancjemò prime al Egjit (par vie deforme piramidâl).

Sot dal arbul, dispès, si fas il presepi. Ancje il peç al è stât tramundât a simbul dal cristianisim: al è furnît di lûs, come Gjesù al è lûs dal mont.

In passât une vore comun, e cumò presint massime in chês fameis che a tegnin un cjamin, e je la usance di impiâ un çoc, che al à di ardi vie pe gnot di Nadâl, gnot di spiete e di vilie.

Ancje chest al è un simbul, impuartât di une tradizion pagane. In chest câs, il fûc dal çoc che al bruse al sta a indicâ l’amôr dal Bambin a pene nassût e impiât di Diu su la tiere.

E che, come une flame, al scjaldarà il cûr di ogni om e di ogni famee; in cjase, si picje visc e rafacon, che a son plantis simpri verdis, segn di vite eterne.

Buine usance par un bon principi; spinis e samencis dal rafacon a àn un lôr simbolism: lis primis a ricuardin la corone puartade dal Crist, lis secondis, lis gotis di sanc, sacrifici de sô vite a pro de savece de umanitât. (Oscar Puntel)

corona dell'avvento di Rosetta1

Foto di Rosetta

Dicembre è il mese del Natale; nei paesi del nord e più o meno dappertutto secondo una connotazione moderna, è il calendario dell’Avvento a segnare il tempo che manca alla nascita di gesù bambino.

In alcune comunità si fa la corona dell’Avvento, la fanno a casa i bambini con l’aiuto dei genitori e adoperano fil di ferro per tenerla assieme e darle forma, la neve, le bacche rosse, le pigne ed altre decorazioni.

Quattro candele accese una ogni domenica indicano l’avvicinarsi del Natale; una grande viene messa in chiesa sull’altare.

Sotto Natale nelle case non manca l’abete, addobbato con luci colorate; questa tradizione parte dalla Germania ed ancora prima dall’ Egitto (per la forma piramidale).

Spesso, sotto l’albero, si fa il presepe. Anche l’Abete è stato tramandato a simbolo del cristianesimo, è illuminato, come Gesù è la luce del mondo.

In passato, molto comune ed ora presente nelle poche famiglie che possiedono un camino, c’è l’usanza di accendere un ciocco di legno da ardere durante la notte di Natale, notte di vigilia e di attesa.

Anche questo è un simpolo importato da una tradizione pagana; in questo caso, il fuoco del ceppo che brucia sta ad indicare l’amore del Bambino appena nato e mandato da Dio sulla terra.

Come ogni fiamma, riscalderà il cuore di ogni uomo e di ogni famiglia; in casa si appendono il vischio e l’agrifoglio, che sono piante sempre verdi, segno di vita eterna.

Buona usanza per un buon inizio; le spine e le bacche dell’agrifoglio hanno un loro simbolismo: le prime ricordano la corona portata da Cristo, le seconde, le gocce di sangue, sacrificio della sua vita per salvare l’umanità.

Buona domenica a tutti.

Ecco, la traduzione l’ho fatta io, triestina pattocca quindi, Rosetta, chiedi a orso tuo di correggermi, se può ;-)

About these ads

I Commenti sono disabilitati.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: