Prleška ajdova potica (torta salata di grano saraceno) dedicata alla Latteria di Buja.

torta grano saraceno ricotta cornice

Ritorno accantoalcamino ma con porte e finestre ben chiuse, fa ancora troppo freddo e sono debole per resistere a pericolose correnti d’aria.

Ma le delusioni non finiscono mai, non per me che vivo ogni evento e situazione con grande passione e coinvolgimento: la latteria di Buja chiude, come preannunciato qui

Sarebbero bastati 50.000,00 €.(cinquantamilaeuro), ma nessuno si è fatto avanti: e pensare che per l’acquisto di baldanzosi ragazzotti che rincorrono il pallone si spendono centinaia di migliaia di €uro.

Nell’Udinese ha militato nientepopòdimenoché il figlio di Gheddafi…, immaginate voi…

Beh, con questo non voglio coinvolgere il presidentissimo (così lo chiama la moglie) ma in Friuli ci sarebbe chi, volendo, potrebbe dare una mano… In fondo per un imprenditore affermato cosa sono 50.000€. senza escludere la possibilità di una colletta ;-) ?

Un altro pezzetto di presidio slow food del Friuli che se ne va: sembra che non importi più a nessuno dei presidi: tempo fa fui testimone di un dialogo tra due personaggi autorevoli che si scambiavano opinioni su questa realtà nella nostra regione: non ne parlarono bene ma io, ancora col cuore romantico, non volli dare ascolto a quelle che considerai allora dicerie ma col e nel tempo, tutto ciò che sentii allora si è materializzato… Purtroppo.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Latteria di Buja

Voglio dedicare questa semplice ricetta proprio a questa ed altre latterie della mia regione che stanno vivendo questo brutto momento; non è una ricetta del Friuli ma della Stiria Slovena (Štajerska) che contempla Maribor.

É una ricetta semplice, con pochi ingredienti: al basta un tic che significa basta poco, che ci si accontenta di un po’ di niente.

Ingredienti per la dose intera (io ho fatto la metà):

  • 700 g. di farina di grano saraceno,
  • 3 dl di acqua bollente,
  • 1 k. di ricotta o skuta,
  • 3 uova,
  • 3 dl di panna acida,
  • dragoncello fresco (aggiunta personale),
  • sale (io affumicato nel ripieno).

collage torta grano saraceno

Come fare:

preriscaldare il forno a 230° C.

Preparare un impasto con farina, acqua e sale, amalgamare bene e far raffreddare; stenderlo poi ad un altezza di c.ca 1 cm. ed adagiarlo su fondo e bordi di una teglia ricoperta con carta forno.

Lavorare la ricotta con le uova, il sale aggiungendo il dragoncello tritato e stendere il composto sulla pasta, livellare e versare la panna acida.

Infornare per 35 minuti.

dragoncello-001

Dragoncello

Questa ricetta è senza glutine (controllare la spiga barrata sulla confezione), chi è vegano e/o intollerante al lattosio può adoperare una ricotta di tofu ed eliminare le uova.

Chi è godereccio può aggiungere della salsiccia o prosciutto, speck ecc.: la straordinarietà sta nella pasta, semplice e profumata e può accogliere anche un ripieno dolce, a voi la scelta.

Buona giornata ♥


Vellutata di pastinaca, fiori d’aglio di Resia e Formai dal Cit: per i miei 5 anni di blog!

vellutata di pastinaca, fiori d'aglio e formai dal citsi1 si

La Val Tramontina non è soltanto Pitina, è anche Formai dal Cit, Cit veniva chiamato il contenitore in pietra dove questa crema di formaggio veniva conservata ma esiste anche un’altra ipotesi: sembra che il nome Cit identificasse il nome di una famiglia che, di generazione in generazione, produceva e commercializzava formaggi.

formai

Foto da qui.

Come spesso accade con le tradizioni, man mano passa il tempo, si perdono per strada alcune notizie e ne vengono aggiunte  altre: il Formai dal Cit, come il vicino di casa Formadi Frant nasce dall’esigenza di poter utilizzare le forme di latteria difettose,  invendibili o inutilizzabili, l’invendibilità emergeva a metà stagionatura e quindi venivano così trasformate in Formai dal Cit:

  • 1 kg. di formaggio latteria di media stagionatura,
  • 1/2 litro di panna,
  • latte,
  • 1/2 bicchiere di vino bianco,
  • pepe.

A questi ingredienti ogni famiglia aggiungeva alcune erbe, diverse a seconda della disponibilità della stagione: la Val Tramontina è ricchissima di erbetinis (erbe) e le donne sapevano utilizzarle in cucina con grande estro.

Le forme venivano tagliate a pezzetti, poste in un recipiente, ricoperte di latte e lasciate riposare per almeno 6 ore, dopo, il tutto veniva scolato, tagliato finemente e posto in una terrina con la panna, il vino, il pepe e le erbe che ogni famiglia aveva a disposizione.

A questo punto la crema ottenuta veniva posta nel Cit (se voi volete provare a farlo, scegliete un contenitore della capacità di 2 litri), chiuso ermeticamente e conservata per almeno 3 mesi.

Al momento dell’assaggio, si elimina lo strato superficiale dove si è formata la muffa: questa crema saporita di formaggio si può spalmare sul pane o su fette di polenta abbrustolita, si può mantecare una pasta o un risotto oppure, come ho fatto io, si può adoperare per rinforzare il sapore di una vellutata preparata con ingredienti tendenzialmente dolci: la pastinaca lo è, infatti, può essere adoperata anche per fare una torta, come qui.

Prima delle feste di Natale sono andata a Spilimbergo, dove il signor Roberto Ferraro ha uno spaccio in cui si possono trovare i formaggi e salumi che produce, insieme con la moglie, nel loro Agriturismo Borgotitol a Tramonti di Sopra.

Oltre alla Pitina, sia da cuocere che da affettare, ho comperato il Formai dal Cit e la scuete dal boç che ho utilizzato in alcuni ripieni che proporrò più avanti.

pastinaca-001

Radici di pastinaca (si intravede la torta).

Ingredienti:

  • 200 g. di radici di pastinaca,
  • latte q.b.,
  • sale affumicato,
  • crema di fiori d’aglio di Resia,
  • formai dal Cit di Borgotitol
  • olio extravergine d’oliva.

Come fare:

pelare le radici di pastinaca e tagliarle a rondelle; metterle a cuocere in acqua e latte (volendo potete adoperare la pentola a pressione), aggiustare di sale (affumicato) e pepe.

Quando le radici saranno cotte, frullarle col minipimer; se il composto risulterà troppo denso allungare con brodo vegetale o altro latte: l’importante è che la vellutata, al momento del servizio, sia ben calda.

Io ho aggiunto alla vellutata un po’ del composto di fiori d’aglio di Resia che avevo conservato in congelatore dopo aver fatto la vellutata (alla fine il link) che ha regalato alla preparazione sapore e profumo e l’aggiunta del Formai dal Cit la giusta sapidità.

Probabilmente la maggior parte delle/dei mie lettrici/lettori non avranno a disposizione questi ingredienti: anche la pastinaca è da poco che la riesco a trovarla a Udine (prima dovevo andare in Austria) ma potete avvicinarvi al suo sapore abbinando carote e sedano.

In Italia non manca la varietà di formaggi e certamente ne troverete uno capace di rinvigorire una vellutata, in fondo è questo il senso di un blog: dare un’idea, ispirare un piatto, condividere un’esperienza, far conoscere un pezzetto della propria storia, del proprio territorio.

A proposito di blog, ieri WordPress mi ha ricordato che sono già 5 anni che scrivo qui (+ 1 di riserva su blogspot: DA DIMENTICARE ;-) ), anche se per me il giorno dell’anniversario è il 14 gennaio, perchè è il 14 gennaio 2010 che ho scritto il mio primo post, il più bello, quello che amo di più e che più mi rappresenta…

vellutata di pastinaca, fiori d'aglio e formai dal cit pp1-002

Vellutata ai fiori d’aglio di Resia

Pane fichi alloro e noci

Borgotitol

Formai dal Cit


Salmone gratinato con senape di Digione, prezzemolo, lime (Lorraine Pascale).

salmone , senape,lime 2-001

Ho un palato antico, amo i sapori tradizionali ma sono curiosa e, prima di escludere un piatto a priori, voglio prepararlo ed assaggiarlo e, se mi va, modificarlo per avvicinarlo al mio gusto.

In questo caso modificare è stravolgere e significa declassarmi: non è da foodblogger…

La particolarità di questo piatto sta proprio nell’insieme degli ingredienti: zucchero di canna, lime, senape di Digione, quella con i granellini che non ha il sapore piccantino della senape tradizionale ma è piuttosto dolce ed è per questo che la prossima volta o cambio senape o elimino lo zucchero.

Il lime ci sta bene ma se avete il palato più antico del mio, potete sostituirlo con il limone; sostituirò anche il burro con dello straordinario olio extravergine d’oliva, ho aggiunto anche un po’ di aglio di resia in polvere: insomma, Lorraine, non volermene :-(

Riporto la ricetta come l’ho trovata su un Io Donna (l’inserto del Corriere della sera), io ho fatto metà dose.

salmone pronto front-001

Ingredienti:

  • 4 piccoli tranci di salmone senza pelle (io 2 surgelati),
  • 100 g. di pangrattato,
  • 1 cucchiaio e mezzo di zucchero di canna chiaro,
  • 2 cucchiai di senape di Digione,
  • 1 noce di burro,
  • la scorza grattugita di 2/3 lime,
  • prezzemolo tritato,
  • 1/2 cucchiaino da caffè di polvere d’aglio (da Resia),
  • sale (io affumicato),
  • pepe.

collage salmone

Come fare:

mescolare tutti gli ingredienti e posizionare la panatura sui tranci di salmone precedentemente adagiati in una pirofila foderata con carta forno.

Nella ricetta non è indicata la temperatura, io ho infornato a 180°C.per 10 minuti e poi a 200°C. funzione grill per altri 5: a me piace il pesce cotto, i miei trancetti non erano panciuti e mi sono bastati questi minuti, voi regolatevi.

Consigliano un contorno di patate e broccoli lessati; se siete celiaci sostituite il pangrattato con quello da prontuario senza glutine.

Da rifare ma a modo mio, Tiziana, se vuoi provare tu la variante poi fammi sapere ;-)


La mia Trieste.

Trieste dalla galleria Naturale-001

Parafrasando con irrispettosa audacia un titolo di Karen Blixen oggi, giorno dell’Epifania che tutte le feste porta via, voglio volare con la mente a Trieste, nella mia città natale dove non ho casa, non ho famiglia, ma ho radici, ricordi ed un baule colmo di emozioni.

Oltrepasso la Galleria Naturale ed inizio a scivolare lentamente e dolcemente tra le braccia rassicuranti di una madre, il vento è il suo respiro, il sole e la luce il suo sorriso.

dall'altra parte della galleria naturale-001

Mi lascio alle spalle i luoghi dell’esilio, dove comunque sto bene: in fondo è la natura, sono i luoghi i miei migliori e fidati amici e in quel Friuli che malvolentieri mi ospita, io ritrovo una natura straordinaria nella quale amo perdermi e con la quale amo confidarmi.

Uno sguardo verso le pedocere.

pedocere-001

Lasciamo la macchina all’altezza dei Topolini, stranamente è la prima volta che scendo quei gradini e cammino lungo la storica spiaggia dei triestini: io andavo al Bivio de Miramar, i Topolini erano/sono più per la mularia.

topolini-001

La giornata è splendida e si sa che i triestini amano l’abbronzatura, irresistibile per noi il richiamo del sole e che importa se la pelle si secca e le rughe mentono rivelando anni in più?

xe come esser a sen moriz-001

Posso farghe una foto? La fazzi lei el me rispondi e el se  metti in posa: xe come esser a sen Moriz, el sera i oci e el continua a sognar de esser su la neve, noi ‘ndemo ‘vanti.

relax con tablet-001

Poco più in là una signora più tecnologica la zoga (gioca) con un tablet, la ciaterà con qualche spasimante?

Uno sguardo all’indietro per ammirare el Castel de Miramar, maestoso, rassicurante; quelle candide mura trasmettono malinconia, quando vado a visitarlo mi sembra di vedere Carlotta seduta a guardare verso quell’orrizzonte che non le restituirà mai più il suo Massimiliano.

castello di miramare cocai-001

miramare windsurf-001

dai topolini-001

Mentre ci avviciniamo a Barcola, uno sguardo verso il Carso dove troneggia El Formagin: è così che noi Triestini chiamiamo il Santuario di Monte Grisa, una costruzione che, secondo noi, ha deturpato il panorama…

El formagin (Montegrisa)-001

Continua la passegiata, dall’altro lato il mitico Fritolin.

el mitico fritolin-001

Siamo arrivati alla passeggiata di barcola con in mezzo la grande pineta.

il faro da Barcola-001

All’inizio un cartello con indicate le specie pericolose che minacciano le nostre coste: le immondizie ;-)

immondizia mare-001

E quella più temuta sulla terraferma: l’uomo maleducato, che minaccia marciapiedi e passeggiate.

sii civile-001

E, si sa, i triestini sono dei burloni, simpatici e generosi, così io voglio fare un regalo al mio amico paolopaolindaresia :-P

friko-001

Per oggi la mia passeggiata a Trieste è terminata, la prossima sarà in centro con una guida speciale ed unica, el cocal de città.

cocal dde città-001

A presto

radici


Kranz alle mele di Knam con frangipane al papavero e cannella: chi la dura la vince!

kranz frangipane semi papavero cannella laton.

Raramente m’incaponisco su una ricetta, quando è buona e mi/ci piace mi fermo; invece questa volta, prima di convincermi, ho ripetuto questo kranz quattro volte, l’ultima delle quali ho optato per la versione rotonda: kranz in tedesco significa corona ed è un dolce che viene preparato anche a capodanno..

Ho cercato nel web la  storia di questo dolce che, pur essendo diffuso anche in altri stati europei, ha origine in Germania; esiste il Frankfurter Kranz che è una corona dolce dove si alternano strati di pan di Spagna e crema ma non ha nulla a che vedere con questo.

I kranz che si trovano nelle pasticcerie /panetterie a Trieste sono delle treccioline fatte con pasta brioche e pasta sfoglia farcite con uvetta; in Baviera e in Austria è chiamato Striezel ma contempla soltanto la pasta brioche.

La mia ricerca non ha dato alcun risultato: il Kranz alle mele di Knam è unico e ciò che ho trovato nel web non ha nulla a che vedere con il suo ((pagg. 70/71 Arte del dolce).

Dalla descrizione di chi ha replicato questa ricetta non si evince nessuna difficoltà mentre io ne ho incontrate alcune: d’altronde si sa che spesso nei libri possono esserci degli errori e non dimentichiamo che forni, frigoriferi ed ingredienti a disposizione nei laboratori dei professionisti non sono gli stessi che abbiamo noi a casa.

Per questo descriverò la mia kranz-esperienza per facilitare l’esecuzione a chi vorrà replicarlo: ho voluto provare anche una versione di frangipane con semi di papavero e cannella per rendere il kranz più natalizio: confesso che è una variante forzata dal “furto” di mandorle di ello :-D

Avevo messo gli occhi su questo dolce appena comperato il libro ma l’irreperibilità del malto e latte in polvere l’avevano messa in lista d’attesa: ho ordinato on line il latte in polvere ed ho reperito il malto secco: nelle ricette che sono in rete il malto secco è stato sostituito col miele ed il latte in polvere col latte fresco.

Dopo il primo tentativo ho modificato la prima parte ma descriverò tutto man mano.

 Kranz prima prova mele n

Ingredienti:

  • 15 g. di lievito di birra,
  • 200 ml d’acqua tiepida,
  • 20 g. di latte in polvere,
  • 480 gr di farina forte 0,
  • 40 di zucchero,
  • 15 gr di malto in polvere,
  • 280 gr di burro,
  • 300 gr di crema frangipane,
  • 2 mele,
  • 1 pizzico di sale.

Ingredienti per la crema frangipane:

  • 50 g. di farina di mandorle,
  • 50 g. di semi di papavero macinati,
  • 1 cucchiaino abbondante di cannella in polvere (facoltativa),
  • 30 g. di farina 00,
  • 100 g. di burro,
  • 100 g. di zucchero,
  • 1 uovo.

Kranz frangipane papavero-001

Come fare la crema frangipane:

montare il burro con lo zucchero, aggiungere a filo l’uovo leggermente sbattuto, continuando a mescolare con la frusta,  unire al composto la farina di mandorle, i semi di papavero macinati, la cannella e la farina, amalgamare bene e riporre in frigorifero fino a poco prima dell’utilizzo.

collage kranz-002

Miscellanea delle varie prove.

Come fare il kranz (come ho fatto io le tre volte successive):

sciogliere il lievito di birra nell’acqua tiepida; setacciare la farina col latte e malto in polvere ed inserire nel robot da cucina, aggiungere lo zucchero ed il composto con il lievito.

Unire il burro tagliato a pezzetti, il sale ed amalgamare bene fino ad ottenere un composto omogeneo; formare una palla , metterla in una terrina e coprire con la pellicola: far riposare in frigorifero per due ore.

Con un coltello incidere una croce sulla superficie dell’impasto e allargare le estremità con le dita fino a formare un quadrato di pasta.

Coprire con la pellicola e far riposare in frigorifero per altre 2 ore.

Terminato il riposo stendere la pasta col mattarello ad uno spessore di 6-7 mm e porre al centro il restante panetto di burro ammorbidito, stendendolo con le dita.

Ripiegare la pasta sul panetto avendo cura di sovrapporne i lati in modo da chiudere il burro nell’impasto.

Dare quindi inizio alle pieghe: con un mattarello tirare la pasta ad uno spessore di 7-8 mm e ripiegarlo in 3 come si fa per la pasta sfoglia, ripetere questa operazione altre 3 volte e far riposare nuovamente l’impasto in frigo per altre 2 ore.

Nel frattempo preparare la crema frangipane come indicato sopra.

Riprendere l’impasto e stenderlo ad uno spessore di 3 mm. cercando di dargli una forma rettangolare, spalmare la crema preparata con una spatola, pelare le mele e tagliarle a fettine sottili quindi disporle a file regolari sulla crema.

Arrotolare strettamente la pasta nel dal lato più lungo facendo attenzione che la farcitura di frangipane e mele non fuoriesca ; tagliare a metà il rotolo nel senso della lunghezza e con le 2 parti formare una treccia, maneggiare delicatamente.

Adagiarla in uno stampo da plumcake precedentemente imburrato delle dimensioni di circa 25×8 ( oppure in uno stampo liscio da ciambella) e lasciarlo lievitare a temperatura ambiente per 1 ora e 30 minuti, finchè non raddoppierà in altezza.

I miei kranz lievitavano tanto e, dopo aver salvato il primo kranz (cotto in uno stampo di vetro perchè non ne avevo uno della misura indicata) che appena dopo qualche minuto di forno, stava già colassando lungo i bordi, nelle prove successive (compreso il kranz rotondo), prima dell’ultima lievitazione ho preparato, con la stagnola ripiegata più volte, un bordo alto che contenesse l’esuberanza del kranz.

La figlia pasticcera di una mia amica mi ha consigliato di prolungare la cottura a fuoco più basso e di fare le lievitazioni  abbassando quella del frigorifero.

Preriscaldate il forno a 180°C e cuocere il kranz per circa 10 minuti, dopodichè abbassare la temperatura a 160°C. e continuare la cottura per 40 minuti.

kranz frangipane semi papavero cannella n.

É inevitabile che dopo sfornato il kranz si abbassi, optando per la versione rotonda l’estetica ne guadagna: questo è il kranz che ho preparato per un’amica a Natale: ho delegato a lei le foto, l’assaggio ed il giudizio obiettivo che è stato positivo quindi il mio quinto kranz sarà perfetto… Quasi quasi lo porto ad assaggiare al maestro ;-)

Collage kranz foto S.-001

Versione rotonda con cottura prolungata.

Buona domenica a tutti e buon proseguimento ♥

P.S.: se vi venisse voglia di farlo, considerate le 7 ore e mezzo di lievitazione, iniziate al mattino presto; la prima volta io, dopo le pieghe, l’ho lasciato il frigorifero tutta la notte.


Arance caramellate profumate al cardamomo: dolce fine e dolce inizio.

arancia caramellata alto n.

Questa ricetta non è farina del mio sacco: il solito foglietto (credo un vecchio ID) conservato per anni, ogni anno, quando arrivava la stagione ed anche le dolci arance di Max, lo ripescavo e, dopo averlo letto, lo rimettevo via.

Colpa del caramello col quale ho un rapporto conflittuale ed anche questa volta, pur avendo adoperato una pentola di rame col fondo spesso e non aver mescolato, il composto si è cristallizzato, ma non mi sono persa d’animo ed ho aggiunto il succo di mezzo limone e di un’arancia così ho domato il caramello che ha sprigionato un profumo sublime: cardamomo ed arancia, un’estasi.

Se per voi il caramello è una passegiata vi consiglio questo dolce, magari per questa sera: consigliano di far raffreddare le arance in frigorifero per minimo 4 ore e di servirle con del gelato allo yogurt.

A me/noi sono piaciute a temperatura ambiente accompagnate con della panna acida, se vi va e se avete la gelatiera provate a fare il gelato, alla fine un link della mia amica Sabrina: al posto delle noci potete adoperare le mandorle tostate ed utilizzare la julienne di scorza d’arancia per decorare.

collage arance cardamomo

Arance e cardamomo.

Ingredienti (1 arancia a persona):

  • 2 arance dolci e senza semi (Italiane),
  • i semini di 5 bacche di cardamomo, io abbondo,
  • 300 g. di zucchero,
  • 250 ml. di acqua,
  • il succo di 1 arancia,
  • panna acida per accompagnare o gelato allo yogurt.

arance caramellate padella-001

Come fare:

pelare le arance con una mandolina prelevando soltanto la parte arancione e tagliare le scorze a julienne; sbianchirle tre volte in acqua bollente, cambiando l’acqua ogni volta per elimininare l’amarognolo.

Pelare a vivo le arance e iniziare a preparare il caramello mettendo sul fuoco un tegame con lo zucchero e l’acqua e, scuotendo senza mescolare, controllare la colorazione.

Quando il caramello inizierà a brunirsi, aggiungere i semini di cardamomo schiacciati nel mortaio, la julienne di scorze d’arancia e completare la colorazione; spegnere il fuoco ed unire le arance e farle rotolare nel caramello.

A questo punto, se volete seguire la ricetta originale, fatele raffreddare per qualche ora in frigorifero oppure tenetele a temperatura ambiente fino al momento di servirle o con il gelato allo yogurt o con la panna acida.

Io ho fatto la dose intera di caramello per averne in abbondanza, se avanza potete mettere la julienne nello yogurt oppure adoperarla per decorare altri dolci, sbizzarritevi.

arancia caramellata pp2-001

Ed eccomi arrivata alla fine dell’anno, mi sono mancata: per anni ho combattuto nemici veri ed immaginari e me stessa, spesso la nemica da temere di più ma è passato.

Ci sono vite e personalità più problematiche di altre, è così, è nella natura dell’uomo e così era il mio destino ma ora ho un dovere nei miei confronti, ho il dovere di rendere me stessa migliore ed è questo il mio obiettivo per il 2015.

Per quest’anno è tutto, auguro a tutti voi e a me un 2015 da vivere al meglio.

Perla raggio di sole n-001

Link:

Gelato alla panna acida con noci.

Arance caramellate al cardamomo (versione simile a quella del foglietto)


Salustri di Nadâl (Chiarore di Natale)

Natale1-001

Salustri di Nadâl

******

A’ sofle la buere
s’imbrune la sere
dal cîl al nevee
ce gran meravee…

Int, tabarossade
a’ passe pe strade,
cui vose, cui rît
tal blanc infinît.

Suspîr di cjampane
ch’a sune lontane,
a’ spant la so pâs
sul mont di bombâs.

Torne, torne Nadâl
a vuarì ogni mâl,
torne, torne Bambin
cul cûr ti spietìn.

******

Chiarore di Natale

******

Soffia la bora
s’imbruna la sera,
dal cielo nevica
che gran meraviglia…

Gente intabarrata
passa sulla strada,
chi grida, chi ride
nel bianco infinito.

Sospira la campana
che suona lontana,
sparge la sua pace
sul mondo di bambagia.

Torna, torna Natale
a guarire ogni male
torna, torna Bambino
con il cuore ti aspettiamo.

(Luigi Bevilacqua)

Buone Feste a tutti.