Archivi tag: Sale affumicato

Prleška ajdova potica (torta salata di grano saraceno) dedicata alla Latteria di Buja.

torta grano saraceno ricotta cornice

Ritorno accantoalcamino ma con porte e finestre ben chiuse, fa ancora troppo freddo e sono debole per resistere a pericolose correnti d’aria.

Ma le delusioni non finiscono mai, non per me che vivo ogni evento e situazione con grande passione e coinvolgimento: la latteria di Buja chiude, come preannunciato qui

Sarebbero bastati 50.000,00 €.(cinquantamilaeuro), ma nessuno si è fatto avanti: e pensare che per l’acquisto di baldanzosi ragazzotti che rincorrono il pallone si spendono centinaia di migliaia di €uro.

Nell’Udinese ha militato nientepopòdimenoché il figlio di Gheddafi…, immaginate voi…

Beh, con questo non voglio coinvolgere il presidentissimo (così lo chiama la moglie) ma in Friuli ci sarebbe chi, volendo, potrebbe dare una mano… In fondo per un imprenditore affermato cosa sono 50.000€. senza escludere la possibilità di una colletta ;-) ?

Un altro pezzetto di presidio slow food del Friuli che se ne va: sembra che non importi più a nessuno dei presidi: tempo fa fui testimone di un dialogo tra due personaggi autorevoli che si scambiavano opinioni su questa realtà nella nostra regione: non ne parlarono bene ma io, ancora col cuore romantico, non volli dare ascolto a quelle che considerai allora dicerie ma col e nel tempo, tutto ciò che sentii allora si è materializzato… Purtroppo.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Latteria di Buja

Voglio dedicare questa semplice ricetta proprio a questa ed altre latterie della mia regione che stanno vivendo questo brutto momento; non è una ricetta del Friuli ma della Stiria Slovena (Štajerska) che contempla Maribor.

É una ricetta semplice, con pochi ingredienti: al basta un tic che significa basta poco, che ci si accontenta di un po’ di niente.

Ingredienti per la dose intera (io ho fatto la metà):

  • 700 g. di farina di grano saraceno,
  • 3 dl di acqua bollente,
  • 1 k. di ricotta o skuta,
  • 3 uova,
  • 3 dl di panna acida,
  • dragoncello fresco (aggiunta personale),
  • sale (io affumicato nel ripieno).

collage torta grano saraceno

Come fare:

preriscaldare il forno a 230° C.

Preparare un impasto con farina, acqua e sale, amalgamare bene e far raffreddare; stenderlo poi ad un altezza di c.ca 1 cm. ed adagiarlo su fondo e bordi di una teglia ricoperta con carta forno.

Lavorare la ricotta con le uova, il sale aggiungendo il dragoncello tritato e stendere il composto sulla pasta, livellare e versare la panna acida.

Infornare per 35 minuti.

dragoncello-001

Dragoncello

Questa ricetta è senza glutine (controllare la spiga barrata sulla confezione), chi è vegano e/o intollerante al lattosio può adoperare una ricotta di tofu ed eliminare le uova.

Chi è godereccio può aggiungere della salsiccia o prosciutto, speck ecc.: la straordinarietà sta nella pasta, semplice e profumata e può accogliere anche un ripieno dolce, a voi la scelta.

Buona giornata ♥


Vellutata di pastinaca, fiori d’aglio di Resia e Formai dal Cit: per i miei 5 anni di blog!

vellutata di pastinaca, fiori d'aglio e formai dal citsi1 si

La Val Tramontina non è soltanto Pitina, è anche Formai dal Cit, Cit veniva chiamato il contenitore in pietra dove questa crema di formaggio veniva conservata ma esiste anche un’altra ipotesi: sembra che il nome Cit identificasse il nome di una famiglia che, di generazione in generazione, produceva e commercializzava formaggi.

formai

Foto da qui.

Come spesso accade con le tradizioni, man mano passa il tempo, si perdono per strada alcune notizie e ne vengono aggiunte  altre: il Formai dal Cit, come il vicino di casa Formadi Frant nasce dall’esigenza di poter utilizzare le forme di latteria difettose,  invendibili o inutilizzabili, l’invendibilità emergeva a metà stagionatura e quindi venivano così trasformate in Formai dal Cit:

  • 1 kg. di formaggio latteria di media stagionatura,
  • 1/2 litro di panna,
  • latte,
  • 1/2 bicchiere di vino bianco,
  • pepe.

A questi ingredienti ogni famiglia aggiungeva alcune erbe, diverse a seconda della disponibilità della stagione: la Val Tramontina è ricchissima di erbetinis (erbe) e le donne sapevano utilizzarle in cucina con grande estro.

Le forme venivano tagliate a pezzetti, poste in un recipiente, ricoperte di latte e lasciate riposare per almeno 6 ore, dopo, il tutto veniva scolato, tagliato finemente e posto in una terrina con la panna, il vino, il pepe e le erbe che ogni famiglia aveva a disposizione.

A questo punto la crema ottenuta veniva posta nel Cit (se voi volete provare a farlo, scegliete un contenitore della capacità di 2 litri), chiuso ermeticamente e conservata per almeno 3 mesi.

Al momento dell’assaggio, si elimina lo strato superficiale dove si è formata la muffa: questa crema saporita di formaggio si può spalmare sul pane o su fette di polenta abbrustolita, si può mantecare una pasta o un risotto oppure, come ho fatto io, si può adoperare per rinforzare il sapore di una vellutata preparata con ingredienti tendenzialmente dolci: la pastinaca lo è, infatti, può essere adoperata anche per fare una torta, come qui.

Prima delle feste di Natale sono andata a Spilimbergo, dove il signor Roberto Ferraro ha uno spaccio in cui si possono trovare i formaggi e salumi che produce, insieme con la moglie, nel loro Agriturismo Borgotitol a Tramonti di Sopra.

Oltre alla Pitina, sia da cuocere che da affettare, ho comperato il Formai dal Cit e la scuete dal boç che ho utilizzato in alcuni ripieni che proporrò più avanti.

pastinaca-001

Radici di pastinaca (si intravede la torta).

Ingredienti:

  • 200 g. di radici di pastinaca,
  • latte q.b.,
  • sale affumicato,
  • crema di fiori d’aglio di Resia,
  • formai dal Cit di Borgotitol
  • olio extravergine d’oliva.

Come fare:

pelare le radici di pastinaca e tagliarle a rondelle; metterle a cuocere in acqua e latte (volendo potete adoperare la pentola a pressione), aggiustare di sale (affumicato) e pepe.

Quando le radici saranno cotte, frullarle col minipimer; se il composto risulterà troppo denso allungare con brodo vegetale o altro latte: l’importante è che la vellutata, al momento del servizio, sia ben calda.

Io ho aggiunto alla vellutata un po’ del composto di fiori d’aglio di Resia che avevo conservato in congelatore dopo aver fatto la vellutata (alla fine il link) che ha regalato alla preparazione sapore e profumo e l’aggiunta del Formai dal Cit la giusta sapidità.

Probabilmente la maggior parte delle/dei mie lettrici/lettori non avranno a disposizione questi ingredienti: anche la pastinaca è da poco che la riesco a trovarla a Udine (prima dovevo andare in Austria) ma potete avvicinarvi al suo sapore abbinando carote e sedano.

In Italia non manca la varietà di formaggi e certamente ne troverete uno capace di rinvigorire una vellutata, in fondo è questo il senso di un blog: dare un’idea, ispirare un piatto, condividere un’esperienza, far conoscere un pezzetto della propria storia, del proprio territorio.

A proposito di blog, ieri WordPress mi ha ricordato che sono già 5 anni che scrivo qui (+ 1 di riserva su blogspot: DA DIMENTICARE ;-) ), anche se per me il giorno dell’anniversario è il 14 gennaio, perchè è il 14 gennaio 2010 che ho scritto il mio primo post, il più bello, quello che amo di più e che più mi rappresenta…

vellutata di pastinaca, fiori d'aglio e formai dal cit pp1-002

Vellutata ai fiori d’aglio di Resia

Pane fichi alloro e noci

Borgotitol

Formai dal Cit


Salmone gratinato con senape di Digione, prezzemolo, lime (Lorraine Pascale).

salmone , senape,lime 2-001

Ho un palato antico, amo i sapori tradizionali ma sono curiosa e, prima di escludere un piatto a priori, voglio prepararlo ed assaggiarlo e, se mi va, modificarlo per avvicinarlo al mio gusto.

In questo caso modificare è stravolgere e significa declassarmi: non è da foodblogger…

La particolarità di questo piatto sta proprio nell’insieme degli ingredienti: zucchero di canna, lime, senape di Digione, quella con i granellini che non ha il sapore piccantino della senape tradizionale ma è piuttosto dolce ed è per questo che la prossima volta o cambio senape o elimino lo zucchero.

Il lime ci sta bene ma se avete il palato più antico del mio, potete sostituirlo con il limone; sostituirò anche il burro con dello straordinario olio extravergine d’oliva, ho aggiunto anche un po’ di aglio di resia in polvere: insomma, Lorraine, non volermene :-(

Riporto la ricetta come l’ho trovata su un Io Donna (l’inserto del Corriere della sera), io ho fatto metà dose.

salmone pronto front-001

Ingredienti:

  • 4 piccoli tranci di salmone senza pelle (io 2 surgelati),
  • 100 g. di pangrattato,
  • 1 cucchiaio e mezzo di zucchero di canna chiaro,
  • 2 cucchiai di senape di Digione,
  • 1 noce di burro,
  • la scorza grattugita di 2/3 lime,
  • prezzemolo tritato,
  • 1/2 cucchiaino da caffè di polvere d’aglio (da Resia),
  • sale (io affumicato),
  • pepe.

collage salmone

Come fare:

mescolare tutti gli ingredienti e posizionare la panatura sui tranci di salmone precedentemente adagiati in una pirofila foderata con carta forno.

Nella ricetta non è indicata la temperatura, io ho infornato a 180°C.per 10 minuti e poi a 200°C. funzione grill per altri 5: a me piace il pesce cotto, i miei trancetti non erano panciuti e mi sono bastati questi minuti, voi regolatevi.

Consigliano un contorno di patate e broccoli lessati; se siete celiaci sostituite il pangrattato con quello da prontuario senza glutine.

Da rifare ma a modo mio, Tiziana, se vuoi provare tu la variante poi fammi sapere ;-)


Vellutata di castagne e Pitina con polpettine di Pan di sorc panate in polvere di Craterellus cornucopioides (Trombette dei morti).

vellutata di castagne cucchiaio3 logo

Tempo fa ho ricevuto in dono un libricino prezioso che non è in vendita e racchiude la storia di tre Valli e svela antiche ricette ed antichi sapori.

Tra le tante ho scelto la vellutata di castagne dalla quale ho preso ispirazione per questa mia personale versione.

L’ho elaborata ieri, in attesa della trasmissione Geo Magazine che ha ospitato il Pan di Sorc: mi è piaciuta molto e Maurizio Tondolo ha avuto modo di spiegare cosa sia l’Ecomuseo ed esternare tutto il suo entusiasmo per questo progetto.

Inevitabilmente, in questa vellutata ho inserito la Pitina e l’ho accompagnata con delle minuscole polpettine da 1 grammo (si avete letto bene), ottenute con Pan di Sorc, ricotta, finferla e panate con la polvere delle trombette dei morti, che avevo raccolto in autunno, essicato e polverizzato per l’occasione (col macinino da caffè).

collage ing vellutata

Ingredienti per la vellutata, 2 persone:

  • 200 g. di polpa di castagne bollite, pelate e passate allo schiacciapatate,
  • 30 g. di Pitina sbriciolata,
  • 1/2 scalogno tritato finemente,
  • 20 g. di funghi finferla secchi reidratati e tritati grossolanamente (una parte servirà per le polpettine),
  • 1 noce di burro,
  • acqua,
  • sale,
  • pepe.

Come fare la vellutata:

far rosolare nel burro lo scalogno tritato finemente, unire la pitina sbriciolata ed allungare con acqua bollente.

Mettere la polpa di castagne in una casseruola, aggiungere il composto di scalogno e Pitina e far insaporire; allungare, poco a poco, con acqua bollente, aggiustare di sale e pepe e frullare col minipimer, mettere da parte, regolare  la densità prima di servire la vellutata.

collage funghi pan di sorc e ricotta

Ingredienti per le polpettine,le dosi sono ad occhio come capita per queste preparazioni:

  • Pan di Sorc ammollato nel latte,
  • ricotta,
  • finferla tritati,
  • briciole di Pitina,
  • sale affumicato,
  • pepe,
  • farina,
  • albume,
  • polvere di funghi trombette dei morti,
  • olio di semi di arachidi per la frittura.

collage polpettine pan di sorc ricotta ecc-001

Come fare le polpettine:

mettere in ammollo il Pan di Sorc nel latte, setacciare la ricotta, tritare i finferla reidratati.

Strizzare bene il Pan di Sorc, amalgamarlo alla ricotta, le briciole di Pitina ed i finferla, salare, pepare: amalgamare bene e riporre in frigorifero il composto.

Nel frattempo ridurre in polvere le trombette dei morti nel macinino da caffè, sbattere leggermente l’albume e mettere la farina in una ciotola.

Prelevare dal composto delle noccioline da 1 grammo, passarle nella farina e ricavarne delle palline, arrotolarle nell’albume e, dopo averne eliminato l’eccesso, passarle nella polvere di funghi e friggerle in olio di arachidi profondo, scolarle ed appoggiarle su carta assorbente.

Riscaldare la vellutata e, se si fosse addensata troppo, allungarla con acqua: versarla nelle fondine, decorare con panna fesca e con le polpettine nere…

 

vellutata di castagne cucchiaio-001

Buon fine settimana ♥

Protramontidisopra

Pitina

Pan di sorc


Pasticcio di fiori e zucchine pastellati, con la partecipazione straordinaria dei Formaggi delle Latterie Turnarie ed un Concorso davvero interessante.

pasticcetto di zucchine e fiori pastellati piatto

Titolo lungo, lo so, ma ci tengo a sottolineare l’uso, in questa semplice ricetta, preparata in una domenica a grande impatto cucinereccio, dei formaggi delle Latterie Turnarie che desidero fortemente far conoscere alle/ai  mie/miei affezionate/i followers legato ad un concorso intelligente, ideato dall’ Ecomuseo delle Acque, voluto fortemente da una generosa Comunità che vuole andare avanti senza dimenticarsi del passato, prodigandosi per non far dimenticare le nostre tradizioni.

Questa Comunità si prodiga di consolare i piccoli ma testardi produttori e di farli desistere dalla volontà di abbandonare; cerca di sensibilizzare, di stimolare e spronare questa Regione, a volte immeritevole ed un po’ troppo svogliata…

É un concorso intelligente (troverete il link di riferimento in fondo al post) perchè ricetta e fotografia avranno certamente la loro importanza ma non saranno determinanti per la valutazione:  saranno semplicemente la copertina e, come avviene con i libri, la copertina non sempre rispecchia la qualità del contenuto: una copertina bellissima per un contenuto mediocre, una copertina mediocre per un capolavoro.

Quindi, se non avete Reflex&Co. oppure se, la vostra fantasia non va oltre un panino col formaggio, non demordete: sono gli chef stessi che ci insegnano che la difficoltà sta proprio nella semplicità.

Il vostro semplice panino al formaggio potrebbe diventare un capolavoro, raccontando la storia di quel formaggio, della genuinità del latte col quale viene prodotto, dell’erba che nutre le mucche nei pascoli adiacenti la malga, della mungitura, dal giorno della cotta della cagliata che diventa la carta d’identità delle forme.

Latterie1

Foto Latterie Turnarie, grazie.

Un esempio: tutte le forme di formaggio delle Latterie Turnarie, oltre alle sigle che riportano al produttore ecc., sono marchiate con un numero, è il numero del giorno dell’anno in cui è stata fatta la “cotta”, quindi se ‘è marchiato il numero 245, vorrà dire che quella forma ha una stagionatura di 8 mesi.

Questo concorso, anche se ideato in questa regione,  non contempla soltanto i Formaggi del Friuli Venezia Giulia ma i formaggi di tutta Italia; come ha fatto l’ISIT Istituto Salumi Italiani Tutelati con i salumi, accentrando sempre l’attenzione sui Prodotti e mai sponsorizzando marchi ed  Aziende, ha semplicemente valorizzato il prodotto Italiano: già dal nome Concorso si evince che anche qui si parla un Italiano perfetto.

Secondo me è questa la direzione giusta, certo sarà una strada in salita ma, chi come me, ama sudare, percorrendo sentieri impervi per arrivare in cima, conosce l’emozione che si prova al raggiungimento della vetta…

strada in salita

 Ora passo alla mia ricettina, piccina picciò, la cucina di casa, quella dove viene rispettato il far di necessità virtù: un pasticcetto fatto con i fiori di zucchina pastellati: sarebbe stato un peccato mortale lasciar sfiorire nel cesto cotanta bellezza.

Le dosi sono a vostra discrezione, ho scelto questa tipologia di formaggio perchè, anche quando è giovane, è saporito ed ha una consistenza che permette di grattuggiarlo.

Non mi fa rimpiangere il Parmigiano Reggiano, che rimane unico al mondo e che io continuo ad amare incondizionatamente ma ultimamente lo tradisco volentieri con un formaggio meno famoso ma della mia Regione: anche per cambiare, e gustarmi i sapori ben distinti di ciò che “infilo” nella pirofila dove, spesso, il Parmigiano tende a spadroneggiare ;-)

cesto fiori di zucchine ezucchine-001

Ingredienti, io ho adoperato questo formaggio ma voi potete sperimentare quelli della vostra:

  • fiori di zucchina pastellati,
  • piccole  zucchine tagliate a metà e pastellate,
  • formaggio di Latteria Turnaria, qualsiasi stagionatura va bene,
  • ricotta di Latteria Turnaria,
  • semi di zucca tritati,
  • prosciutto cotto,
  • polvere d’aglio di Resia,
  • sale, io adopero quello affumicato,
  • olio di arachidi per friggere.

Ingredienti per la pastella:

  • farina di riso,
  • acqua minerale frizzante ghiacciata,
  • sale.

collage pasticcetto

 Come fare:

preparare la pastella al solito e farla riposare in frigorifero; pulire delicatamente i fiori ed eliminare il pistillo (i miei fiori erano femminili, attaccati alla zucchina).

Tagliare a metà le zucchine che devono essere piccole, a scopo decorativo ne potete tagliare qualcuna per la lunghezza con il fiore compreso.

Pastellare e friggere il tutto e mettere da parte, qualche fiore lo potete mangiare in corso d’opera ;-)

Preriscaldare il forno a 200°C.

Amalgamare la ricotta col sale e la polvere d’aglio, spezzettare il prosciutto cotto (lo potete omettere se siete vegetariani), se volete potete amalgamarlo alla ricotta, io l’ho messo tra uno strato e l’altro; grattuggiare il formaggio.

Coprire la base della pirofila con carta forno ed iniziare con uno strato di zucchine, coprirle con il composto di ricotta, pezzetti di prosciutto, formaggio e semi di zucca tritati, continuare con uno strato di soli fiori, composto di ricotta, pezzetti di prosciutto, formaggio e semi di zucca tritati, alternare fiori e zucchine fino a riempire la vostra pirofila.

Terminare con il composto di ricotta ed abbondante formaggio, coprire con la stagnola; infornare per 20 minuti, togliere la stagnola e dorare sotto il grill, se desiderate l’effetto crosticina potete aggiungere al formaggio un po’ di pane grattugiato.

pasticcetto di zucchine e fiori pastellati interno2-003

Per esigenze di copione ho ricavato una monoporzione (fa anche rima :-) ) con un coppapasta e decorato con un fiore di zucchina, ello lo ha mangiato direttamente dalla pirofila.

Latterie

Foto gentilmente concessa dall’ Ecomuseo.

Ho titubato un po’, ma alla fine ho deciso di continuare a parlare e promuovere  quella parte di Friuli Venezia Giulia che stimo ed amo particolarmente.

Perchè titubato? Semplicemente perchè, ultimamente, ho subito una serie di angherie che mi hanno portata a pensare di essere la reincarnazione di Attila: sembra che dove passi io non cresca più l’erba e dove c’è, si secchi e quindi, alla soglia dei 60 (sessanta) anni mi concedo un meritato riposo attivo accantoalcamino: niente corsi di cucina ecc., niente contest, niente raccolte, niente eventi, niente socializzare: continuo a fare ciò che mi piace, come mi piace e con chi mi piace ed a cui piaccio e Viva l’Italia ♥

la più

Ho il periodo degli aforismi, che ci volete fare? Buona giornata ♥

Link utili e di riferimento:

Latterie Turnarie

Ecomuseo delle acque del Gemonese

P.S.: mi scuso per il disguido tecnico, a volte wordpress fa “pasticci”


Bocconcini di Scarpaccia, dalla tradizione Toscana una ricetta vegana.

scarpaccia bocconcini-001

La rima baciata è puramente casuale, come la scoperta di questa ricetta una domenica di luglio, giornata un po’ grigia e piovosa; unica nota di colore delle piccole zucchine ed un cesto dei loro fiori da utilizzare.

Solitamente immaginiamo la cucina vegana irraggiungibile, complicata, spesso priva di appetibilità ma non ci accorgiamo che basta curiosare tra  le ricette della tradizione regionale per scoprire che molte di queste sono vegane, certo non per scelta etica e morale, ma per necessità.

Per molti ceti sociali era difficile, se non impossibile, disporre di fonti proteiche e quelle ottenute con i baratti si esaurivano presto.

Aggiungiamo che non c’erano frigoriferi e congelatori e l’orto e la campagna rimanevano spesso gli unici fornitori di cibo e questa ricetta è un meraviglioso esempio di cucina Povera: ho consultato il web ed ho scoperto che la Scarpaccia è una ricetta della Versilia: a Viareggio si fa in versione dolce, a Camaiore in versione salata: ecco cosa significa far di necessità virtù.

Anche i nostri Cjalzòns possono diventare vegani, basta sostituire la ricotta affumicata col tofu affumicato, il burro col burro di soia o, semplicemente con l’olio extravergine di oliva ed il gioco è fatto.

Solitamente la prima volta che faccio una ricetta trovata su un libro (in questo caso I Buonissimi-antipasti), rivista ecc., seguo pedissequamente le indicazioni e così ho cercato di fare anche questa volta: cercato, appunto, perchè la ricetta dei Buonissimi contempla 12 fiori di zucca , 4 zucchine ed 1 cipolla, io ho abbondato utilizzando tutti i fiori che avevo.

zucchine raccolto Milva-001

Ingredienti per una teglia rettangolare di cm. 20×28, tra parentesi le dosi della ricetta, io ho abbondato, senza contare né pesare:

  • (12) fiori di zucchina puliti, privati dei pistilli e tagliati a striscioline,
  • (4) zucchine, lavate e tagliate a rondelle sottili (robot o mandolina),
  • (4 cucchiai di olio extravergine di oliva), io aromatizzato al basilico,
  • (1) cipolla bianca tagliata a fette sottili,
  • (poca farina bianca) la ricetta scrive di metterne fintanto si sarà formata una pastella,
  • foglie di basilico fresco spezzettate finemente: mia aggiunta,
  • (sale) affumicato,
  • (pepe), peperoncino di Calabria in polvere.

scarpaccia sfornata teglia rettangolare-001

Come fare:

mettere le verdure in una terrina, salare, mescolare, coprire e far riposare fintanto le verdure rilasceranno l’acqua di vegetazione; a questo punto nel libro c’è scritto di lavare le verdure ed aggiungere 1 dl. d’acqua, io non ho l’ho fatto.

Preriscaldare il forno a 180°C. (la prossima volta userò la funzione ventilato)

Aggiungere all’impasto, poca alla volta, la farina necessaria a formare una pastella morbida, condire con l’olio al basilico e le foglie, aggiustare di sale; se lavate le verdure sarà necessario aggiungerlo, pepare.

Amalgamare bene il composto e versarlo nella teglia unta con olio evo, io l’ho foderata con carta forno per poterla rovesciare facilmente.

Infornare per 30 minuti, scritto nel volumetto, 40/45 io; se voltete una crosticina croccante passare la teglia sotto il grill.

Come avrete immaginato, questa ricetta si presta ad un’infinità di varianti: a bocconcini, come ho fatto io adoperando un piccolo coppapasta, sono perfetti per un buffet, per arricchire degli spiedini, alternandoli a cubetti di tofu o seitan.

Con formaggio, prosciutto ecc., per i non vegani, diventa un pasto completo.

scarpaccia bocconcini pp.1-001

 Provate, se vi va e per invogliare i vostri bambini a mangiare la verdura, coinvolgeteli nel creare varie forme, quelle che non verranno bene, certamente finiranno nella loro boccuccia ;-)

Alla prossima

Link:

Scarpaccia


Pasticcio di Fiori di Zucchina ripieni: la Cucina di Casa.

fiori di zucchina ripieni interno-003

Inizio questa settimana d’agosto  con una ricetta semplice con i fiori di zucchina; chi possiede un orto o un campo lo sa, arriva un punto in cui zucchine e fiori invadono ogni spazio e, se non si vuole buttare il cibo, bisogna aguzzare ingegno e fantasia.

I fiori hanno una vita brevissima ed anche quando non sono più rigogliosi, possono essere utilissimi e versatili in cucina: in questo breve periodo di assenza ho avuto modo di sperimentare molti modi di utilizzarli, merito anche della generosità di Milva che mi ha omaggiata con abbondanti fiori, quelli femmina, attaccati alla zucchina che lei stacca, perchè i sui clienti temono che gravino sul costo finale.

Parto da questo, chiamamolo, pasticcio con fiori ripieni adagiati su uno strato di besciamella in coordinato (fiori e zucchine spadellati e tritati),  il tutto rifinito con pennellate di besciamella, una bella manciata di pane grattugiato mescolato al Formaggio stagionato di Latteria Turnaria, che ha sostituito degnamente il mitico Parmigiano Reggiano e abbondanti fiocchi di burro.

fiori zucchina-001

Prima di scrivere gli ingredienti specifico che, essendo una ricetta di casa, questi fiori accolgono felicemente qualsiasi ripieno, sta solo a noi scegliere quale, e se la scelta cade su quello che abbiamo in casa, la soddisfazione è doppia e l’economia di casa salva.

Ingredienti peri fiori:

  • 24 fiori di zucchina privati del pistillo (per la pirofila che vedete in foto),
  • ricotta*,
  • tonno al naturale*,
  • 1 cucchiaio del composto fiori/zucchina per la besciamella,
  • qualche cappero dissalato,
  • 1 filetto di acciuga*,
  • poco aglio schiacciato (io quello di Resia che è digeribilissimo e non lascia traccia),
  • burro*,
  • pane grattugiato (se siete celiaci con spiga di certificazione),
  • basilico fresco,
  • peperoncino,
  • sale affumicato o semplice q.b.(io adopero l’affumicato perchè si sposa bene con le zucchine),*

Ingredienti per la besciamella:

  • latte di soia o di riso,
  • farina di riso o amido di mais,
  • zucchine e fiori spadellati con cipollotto,
  • olio al basilico,
  • sale affumicato*,
  • peperoncino.

fiori di zucchina ripieni da completare1-001

Come fare la besciamella:

stemperare la farina di riso nel latte, sbattere con la frusta e cuocere nel microonde per 1 minuto alla volta (io faccio così), per tenere sotto controllo la consistenza; mescolare bene ogni volta.

Quando la besciamella raggiungerà la consistenza desiderata, aggiustare di sale e pepe, unire il composto fiori/zucchine e un giro d’olio al basilico; io l’ho tenuta più liquida perchè avevo bisogno di umidità per la cottura dei fiori, era un esperimento e dovevo andare ad istinto.

Per la besciamella adopero sempre latte vegetale e non adopero il burro che preferisco metter sopra per la doratura.

fiori di zucchina ripieni da infornare-001

Come comporre il Pasticcio:

preriscaldare il forno a 180°C.

Pulire delicatamente i fiori di zucchina e privarli del pistillo interno, aprirli delicatamente e riempirli, aiutandovi con una sac a poche, col ripieno preparato amalgamando gli ingredienti.

Mettere alla base della pirofila uno strato di besciamella, disporre sopra i fiori ripieni, mettere un po’ di besciamella negli spazi, spolverizzare con abbondante formaggio e pane grattugiato, completare con il burro o, se preferite, olio extravergine, perfetto anche quello aromatizzato al basilico, ottenuto mettendo a macerare nell’olio evo, per qualche giorno, foglie pulite ed asciutte di basilico fresco.

Coprire con la stagnola per 20 minuti, scoprire, continuare la cottura per altri 15 minuti e completare con la funzione grill fino a doratura, provate se vi va.

*Questa ricetta, con le dovute sostituzioni e/o omissioni: la ricotta con tofu, formaggio grattugiato con semi di sesamo tostati o nocciole/mandorle ed il burro con quello di soia, diventa perfetta per i vegani.

Se adoperate il pane grattugiato consentito, è anche senza glutine, infatti la besciamella è fatta con farina di riso o amido di mais e, a proposito di mais, ideale la sua farina per sostituire il pane grattugiato o per aggiungere croccantezza alla preparazione .

fiori di zucchina ripieni pronti-001

Al momento dell’assaggio io sembravo un’ape, ed ello un calabrone, svolazzavamo di fiore in fiore, contendendoci ogni boccone.

Buonissimo anche il giorno dopo, a temperatura ambiente, buona settimana

 collage debbie

Vi presento Debbie, ci siamo conosciute ieri.


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: